Alluvione, sfonda il tetto con i pugni e si salva: la storia

1' di lettura

Un sopravvissuto di Borghetto Vara, uno dei paesi liguri devastati dall’ondata di maltempo, ricorda a SkyTG24 i momenti in cui “l’acqua saliva e non c’era via d’uscita”. Intanto, sale a nove il numero delle vittime accertate. VIDEO, FOTO, LO SPECIALE

ALLUVIONE 2011: vai allo speciale

Le previsioni meteo in Liguria per i prossimi giorni

LE NEWS:
Dalla rete nuovi filmati dell'alluvioneNei video su YouTube la lotta contro il fango - Le immagini dall'alto con l'elicottero - La cronaca di una giornata drammatica - Liguria, i video dell'alluvione in Rete - Un anno fa un'altra alluvione in Liguria - Così ho filmato l'alluvione: la testimonianza - Se l'aiuto arriva dal vicino

LE FOTO: Volontari al lavoro - Brugnato - Aulla - Monterosso - Prima e dopo l'alluvione: il confronto - I volti della disperazione - Le immagini dal web - La frana sulla A12 - Le polemiche su Twitter - Le mappe dell'alluvione - Vernazza nel fango - Alluvioni 2011: tutte le foto

“Ero bloccato nella sala dall’acqua e dal fango. Mi sono arrampicato più in alto possibile. Ho sfondato il controsoffitto a pugni. Sono salito sul tetto e ho aspettato. Quanto tempo? Non lo so. Non avevo la cognizione del tempo”. Così Patrizio Villa, ai microfoni di SkyTG24, ricorda quando, martedì 25 ottobre, è riuscito a sopravvivere all’alluvione che ha devastato il suo paese, Borghetto Vara, e altre zone della Liguria e della Toscana. “Ho pensato che ormai fosse finita. Non avevo vie d’uscita, l’acqua continuava a salire. Poi si è fermata. Ho sperato che restasse così. E così è stato. E’ andata bene. E ora ricominciamo” aggiunge.

Intanto, per il quinto giorno consecutivo, continua la ricerca dei dispersi a Borghetto Vara, Brugnato, Monterosso e Vernazza, i centri liguri più colpiti dall’ondata di maltempo. Nella mattina di domenica 30 ottobre è stato recuperato un altro corpo. Si tratta di Sandro Usai, il trentasettenne volontario della Protezione civile di Monterosso. Punta del Mesco a Monterosso. La notizia è stata confermata dal sindaco del paese Angelo Maria Betta che era con lui il giorno dell'alluvione, mentre cercavano di liberare le griglie in strada per far defluire le acque. Il trentasettenne è stato travolto da un'onda mentre stava salvando due persone - sottolinea il sindaco - "per noi è un eroe". Il comune di Monterosso dedicherà al volontario una strada o una piazza. Usai era originario della Sardegna ma abitava da anni a Monterosso. Lavorava nel settore turistico. Lascia la moglie e un figlio. Sale dunque a nove il numero delle vittime accertate.

Tutti i video sull'alluvione che ha colpito Liguria e Toscana

Leggi tutto