Simoncelli, la salma in Italia. Commozione a Fiumicino

1' di lettura

Il feretro del pilota morto in un incidente durante il gran premio in Malesia è stato salutato all’aeroporto da un lungo applauso. Sul volo c’era anche Valentino Rossi, che ha ricordato l’amico: “Eravamo sempre insieme”

IL DRAMMA DI SIMONCELLI: VAI ALLO SPECIALE

NEWS: La caduta in gara a Sepang - Il profilo di Simoncelli - Rossi si Twitter: "Per me era un fratello minore" - Il calcio lo onora con un minuto di raccoglimento - L'indagine sulla dinamica e sulle cause dell'incidente

FOTO: l'arrivo di Marco a FiumicinoLa carriera di Sic - La sequenza dell'incidente - La notizia sul web - La disperazione del padre - Le lacrime del suo paese - Il calcio in lutto per lui - Marco nella vita quotidiana

(in fondo all'articolo tutti i video sulla tragedia di Simoncelli)

E' arrivato all'alba di martedì 25 ottobre all'aeroporto di Fiumicino l'aereo della Malaysia Airlines che ha riportato in Italia la salma di Marco Simoncelli, il pilota morto domenica scorsa a 24 anni in seguito a un terribile incidente durante il gran premio di Malesia. Sul volo proveniente da Kuala Lumpur c'erano anche il padre di Simoncelli, Paolo, e la fidanzata del pilota, Kate. Tra i passeggeri anche Valentino Rossi che, appena sceso dall’aereo, ha voluto ricordare l’amico e collega. Ad accoglierli c'era il presidente del Coni, Gianni Petrucci. Il feretro è stato salutato all'aeroporto di Fiumicino da un lungo applauso. I funerali di Simoncelli si svolgeranno a Coriano giovedì 27 ottobre.

Il dolore del papà di Simoncelli - "Marco sarebbe felice, con voi è sempre stato disponibile, un bacio a tutti" ha detto all'uscita dall'aeroporto di Fiumicino, Paolo Simoncelli, papà di Marco, rispondendo, visibilmente commosso, alle domande dei cronisti prima di salire in macchina per raggiungere Coriano, il paese del campione delle due ruote, dove tra sarà allestita la camera ardente.

Il ricordo di Valentino Rossi – “A Marco mi legano tantissimi ricordi, stavamo insieme quasi tutti i giorni. Ci allenavamo insieme in palestra e andavamo sempre a girare con tutto ciò che era a motore, questi sono i ricordi più belli che ho" ha detto ai giornalisti Valentino Rossi. Poi ha smentito le voci circolate su un suo possibile addio alle gare: “Non lo so chi lo abbia detto, sicuramente non sono stato io. Forse è una notizia che fa vendere qualche giornale in più".

Leggi tutto