Gli indignados: "Siamo contro ogni violenza"

1' di lettura

Uno dei coordinatori del movimento prende le distanze dagli scontri tra polizia e black bloc avvenuti a Roma. E dà appuntamento sempre nella Capitale: "Riproporremo l'assemblea alle 11 del 16 ottobre in piazza Santa Croce in Gerusalemme". VIDEO

Guarda anche:
FOTO: La manifestazione pacifica - Gli scontri - L'assalto alla camionetta: fotosequenza In fiamme uffici in via Labicana - Le proteste nel mondo I commenti su Twitter - Gli scontri sui siti stranieri

VIDEO: Incendiato un blindato dei carabinieri - Assaltato un mezzo della polizia - Assange tra gli indignati a Londra - Indignados in tutto il mondo: la scheda - I black bloc attaccano i manifestanti

COMMENTI - Napolitano: "Inammissibili violenze" - Alemanno: "Il peggio di tutta Europa" - Draghi: Gli indignati hanno ragione. Peccato per gli scontri

(in fondo all'articolo i video sulle manifestazioni del 15 ottobre)

"Prendiamo le distanze da questi vandali e da queste manifestazioni violente". E' questo il primo commento degli indignados italiani, a poche ore dagli scontri avvenuti durante la pacifica manifestazione svoltasi sabato 15 ottobre a Roma.
"Siamo un movimento apartitico, non violento - dice a SkyTG24 uno dei coordinatori, Daniele Monteleone - che cerca nel dialogo e nella ragione una nostra identità. Ci allontaniamo da qualsiasi forma di teppismo da parte di pochi elementi".

L'appuntamento è fissato per le 11,00 di domenica 16 ottobre: "Riproporremmo l’assemblea, ricominceremo i lavori daccapo, ci ritroveremo tutti quanti, in Piazza Santa Croce in Gerusalemme, sempre a Roma, per dare inizio ai lavori che avremmo dovuto iniziare oggi".

Leggi tutto