Fermato l'uomo che ha investito Allison Owens

1' di lettura

Il pirata della strada che domenica scorsa ha ucciso in provincia di Arezzo la giovane guida turistica americana si era costituito venerdì mattina. Dopo un lungo interrogatorio è stato portato in carcere. A difenderlo Francesco Maresca, legale dei Kercher

Si è costituito il pirata della strada che domenica scorsa ha investito e ucciso a San Giovanni Valdarno (Arezzo) la  23enne guida turistica americana Allison Owens e, dopo dodici ore di interrogatorio, il pm di Arezzo Marco Dioni ne ha disposto il fermo. Pietro Stefanoni, 56 anni, agente di commercio di Arezzo, è accusato di omicidio colposo e omissione di soccorso ed è stato trasferito nel carcere di Sollicciano. Ai carabinieri che lo portavano verso una caserma della zona quando si è costituito ha detto, per spiegare quanto accaduto, di aver avuto un colpo di sonno. L'uomo sarà difeso da Francesco Maresca , legale di parte civile della famiglia di Meredih Kercher.

Il cerchio intorno al pirata della strada si stava stringendo sin dalle ore immediatamente successive al ritrovamento del cadavere di Allison, avvenuto intorno alle 11 di  mattina di mercoledì . Giovedì 6 ottobre, gli esperti del Ris avevano trovato alcuni frammenti di auto sul luogo dell'incidente, dando indicazione agli investigatori di cercare una Volvo di colore scuro e la sua macchina era stata fotografata dall'autovelox. "Alla luce delle nostre indagini, quella di costituirsi e' stata una scelta obbligata", ha commentato in conferenza stampa il colonnello Antonio Frassinetto, del comando carabinieri di Arezzo.

Allison Owens è stata investita nel tardo pomeriggio di domenica scorsa, e l'impatto è stato così violento che il corpo della ragazza è stato sbalzato nel canale che costeggia la  strada statale 69. E' stato ritrovato soltanto due giorni e mezzo dopo l'incidente. La ragazza stava facendo jogging mentre ascoltava musiva con il suo iPod; forse questo le ha impedito di sentire l'auto che stava sopraggiungendo. L'autopsia ha rilevato una frattura sulla parete temporo-occipitale destra del cranio, ed ecchimosi, oltre a  frammenti di vetro nei capelli, compatibili con quelli di un'auto. 

Ascolta le parole del comandante provinciale dei carabinieri di Arezzo

Leggi tutto