Caso Escort, la procura di Roma invia gli atti a Bari

1' di lettura

La decisione arriva dopo l'indicazione del Tribunale del Riesame di Napoli che aveva dato al tribunale pugliese la competenza sul caso. La richiesta di custodia cautelare nei confronti di Valter Lavitola rischia di decadere entro venti giorni

Guarda anche:
Caso escort: tutte le intercettazioni
Bari, tutte le ragazze del caso escort: FOTO
Il memoriale di Berlusconi: "Da Tarantini lettere accorate"

(in fondo all'articolo tutti i video sul caso Tarantini)

La Procura di Roma ha deciso di inviare gli atti dell'inchiesta sul caso escort alla magistratura di Bari, indicata dal Tribunale del Riesame di Napoli competente sul caso. La decisione è stata presa stamani nel corso di una riunione tra il Procuratore Giovanni Ferrara e l'aggiunto Pietro Saviotti.  La decisione sarebbe legata alla necessità di definire la posizione di Valter Lavitola, il giornalista latitante nei confronti del quale pende un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dai pm napoletani e che rischia di decadere se non rinnovata entro 20 giorni a partire dal deposito delle motivazioni del riesame di Napoli.

Leggi tutto