Roma, difende la moglie durante uno scippo e viene investito

1' di lettura

L’anziano è in gravissime condizioni. Nella notte è stato fermato l’aggressore e ritrovata l’auto utilizzata per la rapina. Si tratta dell’ennesimo episodio di violenza nella capitale. E si riaccende la polemica sulla sicurezza

Guarda anche:
Violenze a Roma, il prefetto: "Si tratta di piccole bande"
Roma, un'estate di sangue tra omicidi e agguati
Simmi, ucciso in pieno giorno a colpi di pistola. FOTO

Un altro episodio di violenza a Roma. Un uomo ha cercato di difendere la moglie da uno scippo ed è stato investito dall’auto dei malviventi in fuga. L'episodio è avvenuto nella serata di martedì 20 settembre in via Sernaia, nel quartiere San Basilio. L'uomo, un romano di 68 anni, è in gravissime condizioni all'ospedale Pertini dove è stato trasportato. Il 68enne è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico alla testa. L’aggressore, un 33enne romano, è stato arrestato nella notte con l’accusa di rapina e tentato omicidio. In via Gigliotti, nei pressi del luogo dello scippo è stata ritrovata dalla polizia una Fiat Panda rossa incendiata, l’auto che è stata utilizzata per lo scippo.
"Chiedo giustizia per mio marito e certezza della pena. La persona arrestata deve scontare tutti gli anni della pena che gli verrà inflitta" ha detto la moglie del 68enne investito.

Nella capitale, negli ultimi mesi, si sta assistendo a un aumento degli episodi di violenza. Dall’inizio dell’anno ci sono stati 24 omicidi. Diverse anche le sparatorie, molte avvenute in pieno giorno in quartieri centrali della città. Episodi che hanno scatenato un coro di polemiche sulla sicurezza. Il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, che è il capo della Direzione distrettuale antimafia, qualche giorno fa ha parlato di “una guerra tra bande” in corso.

Leggi tutto