In "Padania" inaugurato il più grande tempio Sikh d’Europa

1' di lettura

Nel cuore del Nord, a Pessina Cremonese, piccolo comune lombardo che si definisce "libero da pregiudizi razziali", si fa festa per l’apertura del centro di culto della comunità indiana. In piazza anche il sindaco: "Grazie a loro questa zona resta viva"

Almeno tremila persone hanno partecipato domenica 21 agosto all'inaugurazione del tempio Sikh più grande d’Europa, a Pessina Cremonese, in Lombardia.
La grande festa è cominciata prima del previsto, alle 9.50, quando da un elicottero sono stati lanciati petali di fiori mentre il Libro Sacro faceva ingresso nel grande tempio costruito su un'area di oltre 2.500 metri quadri.

Tra i presenti il presidente dell'associazione Sikh, Jatinder Singh, e il sindaco di Pessina, Dalido Malaggi. Moltissimi i fedeli sikh provenienti da ogni parte del Nord Italia, ma presenti anche numerosi italiani per curiosità e per ringraziare un popolo che, come sostiene il sindaco Malaggi, consente di tenere in vita i piccoli comuni del cremonese dediti alla zootecnia.

Il tempio, che ospita oltre ai locali per la preghiera un centro culturale e l'appartamento del Custode del Libro Sacro, è stato interamente pagato dalla comunità Sikh che ha anche acquistato l'area dal comune.
E così, proprio nel cuore della Padania tanto cara alla Lega Nord, nasce il tempio dedicato ai Sikh più grande d’Europa. Un comune, quello di Pessina Cremonese, che si definisce con orgoglio “libero da pregiudizi razziali”. Non solo a parole...

Leggi tutto