Città nella morsa dell’afa: weekend bollente

1' di lettura

Il caldo assedia l’Italia e in particolare il Centro-Nord, investito dall’ondata più intensa della stagione. La Protezione civile lancia l’allerta per bambini e anziani. Nessun miglioramento previsto nei prossimi giorni. GUARDA LE PREVISIONI

Scopri le temperature nella tua città: PREVISIONI METEO
Sole, caldo, afa: GUARDA L'ALBUM

Il caldo africano assedia l'Italia: 11 città del Centro-Nord sono investite dall'ondata di calore più intensa della stagione. E l'afa, complice lo scudo dell' anticiclone stabile ed esteso, minaccia di non lasciare il Belpaese neanche la prossima settimana. Termometri verso i 40 gradi, dunque, umidità alle stelle e scatta l'allarme per bambini e anziani.

Il bollettino della Protezione civile, che monitora quotidianamente 28 città, fa segnare il livello 3 (che segnala un'ondata di calore in corso) per la giornata di sabato e domenica a Bolzano, Bologna, Brescia, Campobasso, Frosinone, Latina, Perugia, Rieti, Roma, Torino e Trieste. Il fenomeno si ha quando le condizioni di caldo e umidità persistono per tre o più giorni consecutivi. In questi casi è necessario adottare interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio (bambini, anziani, affetti da patologie cardiovascolari). I picchi della temperatura percepita si registreranno a Torino, Frosinone e Latina (39 gradi), Roma e Trieste (38).

E non c'è da attendersi sollievo a breve termine. Fino a metà della settimana prossima, indicano i meteorologi, la situazione non cambierà e probabilmente, anche se i modelli di previsione poi diventano più incerti, il caldo (con temperature di 5 gradi superiori alle medie stagionali) proseguirà anche nei giorni successivi. Precedentemente in questa estate c'era stata un'altra ondata di calore, a luglio, ma era stata di breve durata, mentre quella in corso minaccia di durare almeno per una settimana.
Finora le zone più torride sono quelle del Centro-Nord, specie le regioni interne e le aree urbane occidentali. Lo saranno anche nei prossimi giorni, mentre la ventilazione potrebbe alleviare l'afa nelle zone adriatiche. Ma lo scudo anticiclonico non farà entrare perturbazioni significative sulla penisola.

Con il caldo si intensifica anche l'allarme incendi. In fiamme boschi di Calabria (Aspromonte), Campania (nel Parco nazionale del Vesuvio), Sardegna (nell'oristanese) e Liguria (Ponente). In quest'ultima regione due piromani sono stati denunciati dal Corpo forestale.

Leggi tutto