Lodo Mondadori, Cir: "Ricevuti 564 milioni da Fininvest"

1' di lettura

Attraverso un comunicato, la società che controlla il gruppo Espresso-Repubblica ricorda che il pagamento dell’importo è stato stabilito dalla sentenza della Corte d’Appello dello scorso 9 luglio. Marina Berlusconi aveva detto: "Non un euro è dovuto"

Guarda anche:
Lodo Mondadori, una partita aperta da più di 20 anni
La sentenza di condanna in Corte d'Appello
Le reazioni alla sentenza

(In fondo all'articolo la cronologia interattiva e i video)

Dopo una serie di batti e ribatti, annunci e smentite, ma soprattutto dopo la sentenza della Corte d’Appello, la Cir ha comunicato martedì 26 luglio di aver ricevuto da Fininvest il pagamento di 564,2 milioni di euro per la vicenda Lodo Mondadori.
Sul ricorso in Cassazione, preannunciato dall’avvocato del gruppo della famiglia Berlusconi, Niccolò Ghedini, i legali di Cir "sono pienamente fiduciosi" di trovare "ulteriore riconoscimento" delle "buone ragioni della società".

Cir, che controlla il gruppo Espresso-Repubblica, ricorda che il pagamento dell'importo è stato stabilito dalla sentenza della Corte d'Appello di Milano depositata lo scorso 9 luglio "quale risarcimento del danno causato a Cir dalla corruzione giudiziaria a suo tempo posta in essere nella vicenda del lodo Mondadori". La cifra comprende "spese legali e interessi dal 3 ottobre 2009".
"Cir e i propri legali, Vincenzo Roppo ed Elisabetta Rubini - si legge nella nota - preso atto dell'intenzione di Fininvest di presentare ricorso in Cassazione, sono pienamente fiduciosi che le buone ragioni della società, già riconosciute da una sentenza penale passata in giudicato e da due gradi di giudizio civile, troveranno in tale sede ulteriore e definitivo riconoscimento".

Consulta la cronologia interattiva



Tutti i video sulla sentenza

Leggi tutto