Melania, ecco la telefonata che indicò dove era il corpo

1' di lettura

La Procura di Teramo ha diffuso l’audio della chiamata anonima che arrivò al 113. Obiettivo dei magistrati è individuare l’autore per avere nuovi elementi sull’omicidio della donna di Somma Vesuviana. ASCOLTA L’AUDIO

Guarda anche:
I protagonisti e i luoghi del giallo: LE FOTO

(in fondo all'articolo tutti i video sul caso)

I carabinieri di Ascoli Piceno hanno diffuso la registrazione audio della telefonata anonima che il 20 aprile scorso segnalò la presenza del corpo di Melania Rea nel Bosco delle Casermette a Ripe di Civitella. E' il primo atto disposto dalla Procura di Teramo, che venerdì 22 luglio ha preso in carico il fascicolo dell'inchiesta sull'omicidio della donna di Somma Vesuviana per il quale è stato arrestato il marito Salvatore Parolisi. Obiettivo dei magistrati abruzzesi è individuare la persona che il 20 aprile chiamò il 113 da una cabina telefonica di Teramo, con una voce di uomo anziano dal forte accento dialettale.

Tutti i video sull'omicidio di Melania Rea:

Leggi tutto