Shinynote, arriva il social network etico

1' di lettura

Lanciato ufficialmente il sito dedicato alla raccolta di fondi per le organizzazioni no profit. L'obiettivo è il finanziamento di progetti specifici. Si comincia con "Cambia una vita", dedicato alle persone emarginate e gestito da Cena dell'amicizia onlus

di Giulia Floris

Dare voce anche al “volto buono della cronaca”, permettere al profit e al no profit di incontrarsi  e trovare un modo innovativo in cui far avvicinare i privati al terzo settore. E’ questa l’idea che ha ispirato Roberto Basso e Fabrizio Trentin (l'uno spin doctor della campagna elettorale di Pisapia e consulente nel campo della comunicazione, l’altro artista) fondatori del sito ShinyNote: un social network etico, che nasce con l'obiettivo di raccogliere donazioni online in favore delle organizzazioni no profit.

Basso e Trentin hanno dato vita a una società grazie al contributo di 30 soci e messo insieme un capitale di partenza di mezzo milione di euro per finanziare il progetto per i prossimi tre anni. "ShinyNote – spiega Basso a Sky.it – si sosterrà con il 5% delle donazioni raccolte. Vuole essere un canale aggiuntivo che si affianca alle tradizionali raccolte fondi, ma con costi molto minori. Basta pensare che di norma la spesa per la raccolta è tra il 25 e il 30%, ma può arrivare anche a percentuali molto più alte, fino all’87%". 

Gli strumenti e le logiche dei social network vogliono così diventare un ulteriore strumento per mettere in contatto i 3 milioni di italiani impegnati nel no profit in tutta Italia e il 24% del totale della popolazione che, secondo un’indagine Eurisko, ha effettuato almeno una donazione ad un'organizzazione no profit nel 2010.
Sulla piattaforma, online da marzo in via sperimentale, le donazioni sono attive a partire da venerdì 15 luglio, mentre sono già 150 le associazioni registrate e più di mille gli utenti che si sono avvicinati al sito.

La prima associazione a fare da pilota al progetto sarà la milanese "Cena dell'amicizia onlus" che dal 1968 reinserisce nella società persone in condizione di grave emarginazione sociale, in particolare senza tetto. Grazie al progetto "Cambia una vita" (punto fermo di Shinynote è il finanziamento di progetti precisi e non generici versamenti alle associazioni) con una donazione di 20 euro gli utenti potranno sostenere l'inserimento di una donna emarginata nel centro di accoglienza gestito dall'associazione. Con pochi euro in più – 35 – sarà possibile offrire medicinali e visite mediche ad un ospite dei centri di accoglienza e con 85 euro garantire un pasto caldo alle 35 persone senza dimora e agli anziani indigenti ospiti delle Cene del Martedì organizzate dall'Associazione.

Per farsi conoscere, oltre ai media tradizional Shinynote in quanto social network può contare sul famoso tam tam della Rete. Ma non mancano anche le iniziative per le piazze reali, come il flashmob che si è tenuto in piazza Duomo a Milano in maggio.

Guarda il video

Leggi tutto