In cella il fratello di Riina, nuovo capo dei Corleonesi

Gaetano Riina
1' di lettura

Gaetano Riina, 79 anni, è stato arrestato nella sua casa di Mazara del Vallo. Al vertice del clan mafioso, ha precedenti per associazione mafiosa e traffico di stupefacenti che risalgono alla fine degli anni '80. VIDEO

Nuovo colpo alla mafia dei Corleonesi. I carabinieri del Gruppo di Monreale e del Ros hanno arrestato il fratello del boss Totò Riina, Gaetano. L'uomo, 78 anni, è considerato il nuovo capo del mandamento di Corleone.
In cella, insieme a lui, altre tre persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione. Dall'inchiesta è emerso il ruolo di vertice che Gaetano Riina aveva assunto, nonostante vivesse da tempo a Mazara del Vallo, anche in virtù del legame di parentela col capo di Cosa nostra. Rappresentava il mandamento e gestiva i rapporti, molto spesso delicati, con gli altri clan della provincia.

L'operazione, denominata "Apice", porta la firma dei carabinieri del Gruppo di Monreale e del Ros, coordinati dal procuratore aggiunto Ignazio De Francisci e dal sostituto Marzia Sabella della Direzione distrettuale antimafia di Palermo.
L'attività investigativa, durata circa tre anni, ha permesso di delineare il nuovo assetto del mandamento mafioso di Corleone e delle storiche famiglie che avevano subito durissimi colpi a seguito della cattura dei capi storici e del sequestro di numerosi beni, dopo l'imponente operazione "Perseo", condotta dai carabinieri del Comando provinciale di
Palermo, culminata in un centinaio di arresti, fermando il tentativo di ricomposizione della commissione provinciale di Cosa nostra.
Le indagini da subito hanno dimostrato la forte influenza di Gaetano Riina, con trascorsi per mafia fin dai primi anni Settanta, e il quale, benché residente da anni a Mazara del
Vallo, forte della sua esperienza e del rapporto di parentela con il capo di Cosa nostra, era la persona con il giusto carisma e ascendente per poter rappresentare autorevolmente Corleone nel rapporto spesso complicato con gli altri mandamenti della provincia.

Leggi tutto