Rifiuti, Napoli nel caos tra roghi e proteste violente

1' di lettura

Immondizia ormai ovunque e temperature sempre più alte, in città la situazione si fa insostenibile. L’ultimatum del sindaco De Magistris (“Via la monnezza in 5 giorni”) sta per scadere. A peggiorare le cose lo sciopero dei dipendenti di una società

Guarda anche:
De Magistris parte dai rifiuti. E annuncia una "rivoluzione"
Emergenza rifiuti: tutte le foto

Napoli è nel caos. I rifiuti sparsi per le vie della città (le foto), con le temperature bollenti di questi giorni, mettono a dura prova la pazienza dei cittadini. E infatti nelle ultime ore sono continuati i roghi, 27 nella notte tra domenica e lunedì 20 giugno. Il quotidiano Il Mattino parla di una "regia occulta dietro i raid" a proposito di un altro filone di indagini aperto dalla Procura di Napoli.
Intanto l' Asia, azienda ambientale del Comune, ha annunciato una raccolta straordinaria h-24 per rispettare l'impegno del sindaco Luigi De Magistris a “ripulire la città entro cinque giorni”. Ma a complicare la situazione c'è il malessere dei dipendenti della Lavajet, la ditta assegnataria dell'appalto nella zona centro, che avrebbero conferito meno compattatori del previsto. E che in questi giorni hanno deciso di scioperare.

Guarda tutti i video sull'emergenza rifiuti:

Leggi tutto