I magistrati sulla P4: "Vicenda inquietante"

1' di lettura

Il presidente dell'Anm Palamara commenta così il coinvolgimento del magistrato e deputato Pdl Alfonso Papa nell'inchiesta sulla presunta associazione segreta. Berlusconi, intanto, si dice "serenissimo". VIDEO

Anche il Csm si occuperà della vicenda della P4 che ha coinvolto il magistrato e parlamentare del Pdl Alfonso Papa ma che potrebbe lambire pure altre "toghe". Un caso che allarma i giudici (l'Anm parla di vicenda inquietante) ma che non sembra allarmare invece Berlusconi ("l'inchiesta è basata sul nulla").
Per quanto riguarda le toghe, il 16 giugno era stato il procuratore generale della Cassazione Vitaliano Esposito ad annunciare una sua iniziativa.
E 24 ore dopo proprio dal congresso della principale corrente delle toghe il presidente della Prima Commissione del Csm, Guido Calvi, ha garantito che "la Commissione interverrà perché lo impongono le sue competenze". E che nella prima riunione utile, il 27 giugno, proporrà ai colleghi di chiedere ai magistrati che conducono l'inchiesta di trasmettere copia degli atti.

I magistrati: "Serve rigore" - L'intenzione è di procedere sulla linea del "rigore" come si è fatto di fronte ai magistrati coinvolti in casi analoghi, come quello della P3, che ha visto più di una toga scegliere la strada delle dimissioni o del trasferimento pur di evitare sanzioni.
"Il Csm farà il suo dovere istituzionale se e quando sarà investito, adottando i provvedimenti di sua competenza", ha detto da parte sua il vice presidente del Consiglio superiore, Michele Vietti, che però non ha voluto esprimere giudizi su quanto sta emergendo dalle carte napoletane: "Rispetto i principi del garantismo, non valuto mai le inchieste per impressione".
L'allarme tra le toghe è acuto. E non è un caso che il 17 giugno il presidente dell'Associazione nazionale magistrati Luca Palamara, anch'egli presente al congresso, è tornato a parlare di una vicenda "inquietante" rispetto alla quale il sindacato delle toghe intende intervenire "senza indugi e tentennamenti", perché la magistratura "ha bisogno di credibilità e discontinuità rispetto a comportamenti e fatti con cui non vogliamo avere nulla a che fare".
L'Anm ha convocato il proprio parlamentino per il 25 giugno prossimo; un passaggio ineludibile perché i probiviri possano valutare la compatibilità della permanenza di Papa nel sindacato delle toghe. "Non ci devono essere indebite commistioni tra magistratura, politica, alta amministrazione, o addirittura comitati di affari", ha ammonito a sua volta dal palco del congresso di Unicost il segretario Marcello Matera.

Ma per il consigliere della Cassazione Giuseppe Maria Berruti, che è stato anche componente del Csm, non si è fatto tutto quello che si doveva: "Si tratta di fenomeni degenerativi che erano del tutto prevedibili e sono stati sottovalutati per l'atteggiamento difensivo che assumono sempre i giudici".
Al congresso della corrente che rappresenta le toghe di centro ha tenuto banco anche la questione dei magistrati che scelgono la politica, sull'onda del caso di Giuseppe Narducci, il pm di Calciopoli entrato nella giunta del comune di Napoli guidata da Luigi De Magistris. Deve essere una strada "senza ritorno" , ha detto Matera. Parole condivise da Palamara, secondo cui "bisogna andare seriamente verso una scelta irreversibile".

Berlusconi: "Serenessimo" - E nella serata del 17 giugno interviene anche il premier: "Sull'inchiesta della P4 e sull'ipotesi che sia coinvolto anche Gianni Letta - ha riferito la deputata Pdl Biancofiore - Berlusconi è serenissimo poiché è convinto che si tratti di un'inchiesta basata sul nulla come dimostra il fatto che tutti, anche nell'opposizione, mettono la mano sul fuoco sul fatto che Letta non solo è un galantuomo ma è anche un gran servitore delle istituzioni".

Leggi tutto