Rapinano un negozio, i carabinieri li ritrovano su Facebook

1' di lettura

Una coppia di fidanzati rapinatori è finita in manette in provincia di Fermo grazie alle immagini pubblicate sul loro profilo. Non è la prima volta che l’attività sui social network permette di risalire ai responsabili di un crimine

Guarda anche:
Mani in alto, sei su Facebook!
Scherza su Twitter, arrestato per terrorismo
Arrestato stupratore riconosciuto su Facebook

Bonnie e Clyde
alla marchigiana. Ma sono durati poco, e soprattutto sono stati rintracciati nel modo meno epico, anche se il più moderno: con Facebook. Cosi, una coppia di fidanzati originari del Fermano sono finiti in manette, grazie all'intuizione dei carabinieri di Civitanova Marche, i quali hanno confrontato le immagini riprese dal dispositivo di videosorveglianza di un supermercato di Potenza Picena, svaligiato da pochi giorni, con quelle del profilo di uno dei due sul social network.

La coppia era già stata notata nell'esercizio commerciale in altre occasioni, quando erano stati denunciati furti di bottiglie di superalcolici. Il 23 maggio però quando un dipendente del supermercato ha cercato di farsi restituire il maltolto, i due hanno opposto resistenza, è spuntato anche un coltello prima che la coppia riuscisse a dileguarsi. Sul profilo di Facebook entrambi figuravano con pettinature simili a quelle del giorno della rapina; non avevano pensato a cancellarsi, o forse si vantavano delle loro imprese. Errore fatale: per entrambi, l'accusa è rapina aggravata in concorso con l'uso di armi: lui è stato rinchiuso nel carcere di Montacuto ad Ancona, lei è ai domiciliari.

Leggi tutto