Minori scomparsi, in Italia avviate 3 mila ricerche l’anno

1' di lettura

“E’ un problema che non conosce confini, aiutaci a riportarli a casa”: è il messaggio del video diffuso dalla polizia di stato nella giornata dedicata a tutti bimbi di cui si sono perse le tracce. Come Denise Pipitone, Angela Celentano e le gemelle Schepp

“La scomparsa dei minori è un problema che non conosce confini, aiutaci a riportarli a casa". E' il messaggio del video che la polizia di Stato ha diffuso in occasione della giornata mondiale dedicata ai minori scomparsi che si celebra il 25 maggio in tutti i Paesi della Rete Mondiale per i Bambini Scomparsi (GMCN - Global Missing Children Network), di cui l'Italia fa parte con il sito bambiniscomparsi.it o missingkids.it.

Ogni anno in Italia vengono avviate circa 3 mila ricerche di minori scomparsi, in prevalenza si tratta di adolescenti, soprattutto stranieri che si allontanano da istituti o comunità, o di allontanamenti volontari. Il numero nel corso di un anno "si riduce almeno dell'80%", rileva la Polizia di Stato in una nota, ma "il fenomeno desta preoccupazione nelle Istituzioni e nell'opinione pubblica".

"Anche dopo mesi o anni dalla scomparsa - si sottolinea - nessuna informazione viene tralasciata dagli operatori di polizia e, grazie ad un impegno costante, diversi casi si sono risolti con un lieto fine, e nel giorno dedicato ai minori scomparsi". Nel giorno dedicato ai minori scomparsi la Polizia rinnova l'invito ad aiutare le ricerche attraverso le segnalazioni. Collegandosi al sito bambiniscomparsi.it è possibile trovare i dati statistici relativi alle segnalazioni di scomparsa, regolarmente aggiornati. Ma soprattutto è possibile trovare ogni informazione sui minori “inghiottiti dal nulla”. Ci sono le foto, i dettagli sull’ultimo avvistamento, le ricostruzioni digitali nei casi di bimbi inghiottiti nel nulla da diversi anni. Come Denise Pipitone o Angelo Celentano. Le loro foto campeggiano sulla home page del sito, insieme con quelle di Livia e Alessia Schepp, le gemelline di cui si sono perse le tracce il 30 gennaio scorso mentre erano in viaggio con il papà Matthias, che poi si è suicidato a Cerignola.

L'Italia fa parte della Rete Mondiale per i bambini scomparsi (Global Missing Children Network), anche con l'indirizzo missingkids.it, gestito da oltre 10 anni dalla Polizia di Stato. E' possibile anche collegarsi a helpbringthemhome.org, aggiornato con informazioni e dati prodotti dai Paesi aderenti all'Icmec - International Center for Missing and Exploited Children, fotografie di bambini scomparsi, le storie di casi risolti positivamente, brevi filmati.

Leggi tutto