Tragedia a Mazara: tre migranti morti durante uno sbarco

1' di lettura

Nel trapanese, un gruppo di extracomunitari in arrivo da Bengasi è stato abbandonato in mare dagli scafisti. 14 si sono salvati arrivando a nuoto sulla costa, ma 3 giovani non ce l’hanno fatta. Intanto continuano gli sbarchi a Lampedusa

Guarda anche:
Lo speciale Mediterraneo di Sky.it
L'album fotografico: tutti gli scatti sull'emergenza

(in fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza sbarchi)

Tragedia vicino alla costa di Trapani. Giovedì 19 maggio tre giovani extracomunitari sono stati trovati morti in mare a Mazara del Vallo, presso la foce del fiume Arena. Facevano parte di un gruppo di 17 immigrati partiti da Bengasi, in Libia. 14 di loro sono riusciti ad arrivare a nuoto sulla costa, dopo essere stati abbandonati dagli scafisti in acqua. Mentre i tre giovani sarebbero annegati durante le operazioni di sbarco. I 14 sono stati poi avvistati mentre camminavano in strada da un tecnico palermitano del Cnr, Sandro Fiorelli, che li ha soccorsi con latte e the caldo, biscotti e coperte. Subito è intervenuta la Protezione civile, guidata da Marco Bascio. Uno dei 14 sopravvissuti  aveva la febbre alta ed è stato trasportato nel pronto soccorso dell'ospedale di Mazara del Vallo. Gli altri, che hanno raccontato di essere sbarcati con un gommone prima di essere gettati in mare dagli scafisti, sono stati condotti nel commissariato per l'identificazione. Lì hanno spiegato che con loro c’erano anche altre tre persone. Quelle che poi sono state trovate decedute dalla Guardia costiera.

A Lampedusa, invece, un’imbarcazione con circa 200 migranti a bordo  è stato avvistata al largo dell'isola. Mentre poco prima delle due della scorsa notte sono approdati direttamente al porto 208 profughi, tra cui 25 donne e tre bambini molto piccoli. L'imbarcazione in legno, lunga circa 15 metri, è riuscita ad arrivare al porto della Madonnina senza essere stata avvistata prima né dalla Guardia costiera né dalla Guardia di Finanza. I profughi stanno tutti bene e sono stati già trasferiti al  Centro di prima accoglienza di contrada Imbriacola, dove ci sono altri 285 migranti, metà dei quali tunisini.

Come affermato dagli stessi  profughi al loro arrivo a Lampedusa, l'imbarcazione è partita dal  porto di Zuwara, in Libia, due giorni fa ed è rimasta in mare per oltre quaranta ore. Il mare calmo e l'assenza di vento non esclude in giornalta l'arrivo di altri barconi di immigrati. L'ultimo sbarco era avvenuto nella  notte tra venerdì e sabato con l'arrivo di due barconi e 418 migranti. Sono complessivamente 483 i migranti presenti sull'isola di Lampedusa.

Leggi tutto