Parmalat, Calisto Tanzi resta in carcere

1' di lettura

Respinte le istanze di scarcerazione. Il regime di detenzione per l'ex patron della società, 72 anni e qualche problema cardiaco, rimane quello deciso il 5 maggio scorso, giorno dopo la sentenza della Cassazione che lo ha condannato a 8 anni e 1 mese

LE FOTO DELL'ARRESTO

Il tribunale di sorveglianza di Bologna ha rigettato le istanze di scarcerazione presentate dai
legali di Calisto Tanzi. L'ex patron di Parmalat resta quindi in carcere a Parma. Le istanze di scarcerazione erano state presentate all'ufficio di sorveglianza di Reggio Emilia che fa capo al tribunale di Bologna. 
Il  regime di detenzione per Tanzi, 72 anni e qualche problema cardiaco, resta quello già deciso al momento del suo ingresso in carcere: 8 anni e 1 mese per aggiotaggio e ostacolo agli organi di vigilanza in relazione al crac del dicembre del 2003.
L'ex numero uno di Parmalat è in una cella singola della sezione cosiddetta dei 'minorati fisici', sotto monitoraggio costante delle sue condizioni di salute.

Leggi tutto