Firenze, arrestati 22 anarchici

I 22 giovani arrestati gravitano tutti nel gruppo anorchico-studentesco denominatao 'Spazio Liberato 400 Colpi'
1' di lettura

Hanno tra i 20 e i 30 anni e sono accusati di aver danneggiato bancomat, sedi di partiti, di sindacati e di enti istituzionali. "Gravitano tutti nella locale compagine anarcoide-studentesca denominata 'Spazio Liberato 400 Colpi'" precisa la polizia

La polizia di Firenze ha eseguito 22 misure cautelari nei confronti di persone tra i 20 e
i 30 anni legate all'area anarchica e accusate di aver danneggiato bancomat e sedi di partiti, di sindacati e di enti istituzionali.
Lo ha detto la polizia fiorentina in una nota precisando che i destinatari delle misure "gravitano tutti nell'area anarchico-studentesca denominata 'Spazio Liberato 400 Colpi'". Le accuse per i 22 -- 19 toscani, un napoletano, un nuorese e un anconetano -- sono tra l'altro occupazione abusiva di edifici pubblici, danneggiamento, deturpamento e imbrattamento di beni immobili, resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e violenza privata.

Secondo la polizia, tra l'altro, avrebbero danneggiato bancomat di numerosi istituti di credito fiorentini e sabotato sistemi di videosorveglianza cittadini, ma anche danneggiato sedi di partito, sindacali e obiettivi istituzionali nazionali ed internazionali.
Inoltre sono accusati di occupazione abusiva di beni immobili comunali e di enti privati, di episodi di violenza contro le Forze dell'Ordine impegnate nel garantire il regolare svolgimento di iniziative di opposti schieramenti politici, di numerosi episodi di interruzione di pubblico servizio concretizzatisi nel blocco prolungato della circolazione ferroviaria e stradale, con gravi ripercussioni di carattere economico e sociale, e reati connessi alle innumerevoli manifestazioni pubbliche svoltesi nel periodo oggetto di indagine.

L'indagine, eseguita dalla Digos di Firenze, ha visto indagate 78 persone ed è stata costantemente coordinata dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione - Ucigos.

Leggi tutto