Wojtyla, notte bianca di preghiera al Circo Massimo

1' di lettura

Domenica è il giorno della beatificazione ma nel frattempo i pellegrini sono riuniti a Roma per ricordare Giovanni Paolo II. Alcuni di loro trascorrono l’attesa nelle chiese, aperte per l’occasione. Altri aspettano in piazza San Pietro. VIDEO E FOTO

Guarda anche:
La festa dei lavoratori? Tra serrate e proteste
La storia di Papa Wojtyla nelle prime pagine dei giornali
Giovanni Paolo II beato, a 6 anni dalla scomparsa: le foto

L'adunata al Circo Massimo si è costruita poco a poco, come in un crescendo (GUARDA LE FOTO). Alle cinque del pomeriggio di sabato 30, tutta l'area che di lì a poche ore avrebbe ospitato la veglia di preghiera alla vigilia della beatificazione di Giovanni Paolo II, era ancora semi vuota. Attorno alla spianata dell'antica arena romana ci si imbatteva in chi tentava di vendere una medaglietta per un euro, chi cercava di piazzare un improbabile santino di Wojtyla "benedetto" da papa Ratzinger e chi cercava di rifilare un impermeabile di fortuna ai primi pellegrini, presi alla sprovvista dalla pioggia. Personaggi coloriti che nel giro di un'ora si sono dissolti, lasciando il posto ad altri volti.

I gruppi armati di zaini, coperte, tappetini per stendersi per terra, chitarre, bonghi, hanno riempito un poco alla volta, ordinatamente, il piazzale ellittico del Circo Massimo. In attesa della veglia hanno cantato, ballato, fatto girotondi mentre sui maxi schermi scorrevano le immagini dei tanti viaggi di Giovanni Paolo II in giro per il mondo.

Alle 20, quando la veglia è iniziata, la spianate era piena. Duecento mila persone, stimano le forze dell'ordine. Gente di tutte le età, di tutte le provenienze, suore, religiose, ma soprattutto tantissimi giovani. E una celebre frase di Giovanni Paolo II, rilanciata dalle immagini apparse sugli schermi che hanno dato il via alla veglia, li ha subito conquistati, come li conquistò quando fu pronunciata la prima volta: "Se tu vivi con i giovani, tu dovrai anche diventare giovane". Parole che hanno fatto scattare gli applausi.

In piazza sventolano bandiere polacche, messicane, tedesche, francesi, anche le bandiere di Solidarnosc. E soprattutto si nota uno striscione con scritto "Santo Subito", che ripete l'appello lanciato dai fedeli già subito dopo la sua morte. "Certo, presto sara' santo!", è la convinzione del cardinale Stanislao Dziwisz (guarda il video in alto), che era alla veglia insieme a Joaquin Navarro-Valls e a suor Marie Simon-Pierre, guarita dal Parkinson con quello che la Chiesa considera il miracolo alla base della beatificazione.

Per tutta la sera c'è stato un flusso continuo di persone tra il Circo Massimo e Piazza San Pietro, l'altro polo d'attrazione in questa due giorni dedicata a Wojtyla. In tanti, infatti, hanno cercato di sistemarsi prima in piazza, poi a ridosso della Basilica per passare lì la notte ed essere i primi prendere posto, domani all'alba, per la cerimonia di beatificazione.

In tutto circa 5.000 persone, molti con valigie, viveri e sedie da campeggio, che per motivi di sicurezza le forze dell'ordine hanno dovuto far sgombrare la piazza e poi hanno invitato i fedeli a liberare anche le zone circostanti. Un'operazione non sempre facile, con un centinaio di pellegrini che fino all'ultimo ha cercato di "resistere".

Domenica 1 maggio, i varchi d'accesso alla piazza apriranno alle 5.30 in modo da permettere l'afflusso dei pellegrini. Dalle 9 inizieranno preghiere e canti e poi alle 10 prenderà il via la celebrazione che consacrerà Wojtyla beato.

Leggi tutto