2000 migranti in 24 ore: emergenza continua a Lampedusa

1' di lettura

Non si fermano i barconi in arrivo dal Nord Africa. Centri di accoglienza al limite. L'amministrazione comunale al governo: bene gli spot, ma gran parte delle promesse sono ancora da attuare. FOTO E VIDEO: LO SPECIALE

Guarda anche:
Lo speciale Mediterraneo di Sky.it
L'album fotografico: tutti gli scatti sull'emergenza
Tensione Italia-Francia a Ventimiglia

(in fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza sbarchi)

Diversi barconi carichi di migranti sono arrivati tra la notte del 29 aprile e la mattina del 30 aprile a Lampedusa, dove sono circa 2.000 gli stranieri giunti nelle ultime 24 ore.
Una delle imbarcazioni, con a bordo 360 persone, è giunta sulla spiaggia di Isola dei Conigli, mentre un altro natante che trasportava 500 profughi è stato soccorso a una decina di miglia dall'isola.
Entrambe le barche erano salpate dalla Libia, come quelle che venerdì 29 aprile hanno portato a Lampedusa un migliaio di profughi.
La situazione dell'accoglienza è nuovamente al limite, con il centro di contrada Imbriacola e l'ex base Lorain al massimo della capienza.

Cadavere sugli scogli di Linosa
- E un cadavere in avanzato stato di decomposizione è stato trovato dai carabinieri, incastrato tra gli scogli, nell'isola di Linosa (Ag). Potrebbe trattarsi del corpo di uno dei migranti naufragati nel Canale di Sicilia lo scorso 6 aprile, quando morirono oltre 250 persone e ne furono salvati 53.

"Bene gli spot ma ancora molte promesse da attuare" -
Intanto il comune di Lampedusa e Linosa, le due isole più coinvolte nell'emergenza sbarchi, esprimono soddisfazione per lo spot pubblicitario e lo slogan "eccellenza e sicurezza", promosso dal governo, ma aggiungono tuttavia che "gran parte delle misure promesse non hanno ancora ottenuto attuazione. In particolare, l'esenzione fiscale e la moratoria sui mutui, chiesta dall'assessore regionale all'Economia Armao, che sarebbe a totale carico della Regione, ha bisogno di un decreto nazionale e della condivisione del ministro Tremonti". "Nulla ancora - prosegue la nota - sul fronte della destagionalizzazione che prevedeva l'autorizzazione per il casinò, per il campo da golf, per il centro congressi e per il porto turistico".




Leggi tutto