Caso Ruby: "la verità sul bunga bunga". I nuovi verbali

Villa San Martino ad Arcore
1' di lettura

"Notte da incubo ad Arcore": i quotidiani riportano altre indiscrezioni sulle presunte feste nelle ville di Berlusconi. Due diciottenni raccontano che Emilio Fede avrebbe detto: "Se volete andare via va bene ma non pensate di poter fare le meteorine"

Guarda anche:
LE FOTO DEL NUOVO BERLUSCONI-SHOW
Caso Ruby: vai allo speciale
Ragazze, politica e bunga bunga. Tutte le foto
Ambra e Chiara: le foto

"Se volete andare via, va bene. Ma non pensate di poter fare le meteorine o Miss Italia". E' questo quello che avrebbe detto Emilio Fede ad Ambra Battilana e Chiara Danese, le due diciottenni, invitate a una delle cene del premier ad Arcore, shockate davanti a quello che stavano vedendo. I verbali degli interrogatori delle due ragazze (presentatesi spontaneamente in Procura), pubblicate oggi, mercoledì 13 aprile, da Repubblica e dal Corriere della Sera, raccontano nuovi dettagli sulle presunte feste a casa del premier. Stando al loro racconto Ambra e Chiara sarebbero state invitate a cena nella villa di Arcore da Emilio Fede. Una volta lì, avrebbero trovato un gruppo formato da altre ragazze (tra cui Nicole Minetti e Marysthell Polanco) e il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. "Quindici minuti dopo che siamo seduti a tavola, alcune delle ragazze scoprono i seni, li offrono al bacio di Berlusconi. Toccano il presidente nelle parti intime. Si fanno toccare" è il racconto di Ambra. Chiara prosegue: "A un certo punto il presidente, visibilmente contento, chiede 'Siete pronte per il bunga bunga?'- Le ragazze in coro urlando 'Sììì'."

Le ragazze si spostano con il premier verso la sala con il palo da lap dance. Racconta Ambra: "Berlusconi, che sta dietro di noi, ci tocca i glutei, ci palpeggia il sedere. Né io né Chiara lo abbiamo invitato a desistere, anche se ci siamo irrigidite, facendoli capire che non eravamo d'accordo con quanto stava facendo". Chiara spiega poi come si sarebbe svolto il cosiddetto bunga bunga: "Nella piccola discoteca con il palo al centro e i divanetti tutto intorno, e nell'angolo un dj, le ragazze iniziano a ballare in modo piuttosto volgare. Si tirano su la gonna, mostrano il sedere. Alcune sono vestite da infermiere, come le gemelline di Napoli e la Bonasia, che tiene in mano anche un frustino." Ambra scende nel dettaglio: "A un certo punto Nicole Minetti si esibisce in uno spettacolo di lap dance. Indossa uno di quei vestiti che si tolgono a strappo. Rimane completamente nuda ballando al palo, senza reggiseno e mutandine. Dopo essersi denudata, si avvicina a Berlusconi e ballando in maniera provocante avvicina il sedere al visto del presidente. Girandosi gli avvicina i seni alla bocca, il presidente le bacia i seni."

A questo punto, secondo il racconto delle due testimoni, le altre ragazze avrebbero cercato di coinvolgere anche loro due negli spogliarelli. Loro però sono terrorizzate e chiedono al direttore del Tg4 di potersene andare. Ed è a questo punto che lui avrebbe spiegato che se fossero andate via non avrebbero potuto far televisione. "Berlusconi, seduto accanto a Fede, annuisce senza dire però una parola. Tanto che ne ricavo l'impressione che sia perfettamente d'accordo con Fede." Le due ragazze però alla fine si fanno portare via, fino a Milano, a Loreto. Ed ora il loro racconto spunta dalle carte del processo sul caso Ruby.

Pronta la smentita dei legali del premier. "Le nuove dichiarazioni apparse su alcuni giornali in relazione alle serate in Arcore, sono destituite di ogni fondamento e contrastano con numerosissime indicazioni di segno completamente opposto. La genesi delle dichiarazioni e i tempi appaiono davvero indicativi e ne dimostrano l'assoluta inconsistenza" hanno detto l'avvocato Piero Longo e l'avvocato Niccolò Ghedini. Mentre Emilio Fede ha annunciato di aver querelato le due ragazze per calunnia e diffamazione aggravata a mezzo stampa e violazione del segreto istruttorio.

Leggi tutto