Sciopero dei trasporti, venerdì mezzi pubblici a rischio

1' di lettura

La mobilitazione nazionale indetta il 15 aprile da Cub e Cobas investirà treni, aerei, autobus e metropolitane. La rete ferroviaria si fermerà per 24 ore a partire dalle 21 di giovedì. A Milano corse regolari. Il vademecum

Venerdì 15 aprile lo sciopero nazionale indetto da Cub (Confederazione unitaria di base) e Cobas investirà il settore dei trasporti. In occasione della Giornata della collera, questo il nome della mobilitazione in difesa dei diritti dei lavoratori di qualsiasi nazionalità organizzata dai sindacati, tram, metro, aerei e treni potrebbero dunque essere a rischio.

Aerei -
Il personale aeroportuale delle società Sea e Sea Handling a Linate e Malpensa e Aviapartner a Malpensa incrocerà le braccia venerdì 15 aprile per 24 ore.

Treni- Per le ferrovie il fermo comincerà alle 21 del 14 aprile e terminerà alla stessa ora del 15 aprile. Informazioni sullo sciopero possono essere trovate sul sito delle Ferrovie dello Stato, che pubblica l'elenco di treni garantiti.

Il trasporto pubblico locale si fermerà per 24 ore, con modalità territoriali diverse.

Milano – Nel capoluogo lombardo, che in questi giorni ospita il Salone del mobile,lo sciopero è stato revocato. Per l'intera giornata dunque il trasporto pubblico sarà regolare.

Roma – Venerdì nero anche a Roma. Ad incrociare le braccia saranno i macchinisti della Metro A. La protesta, indetta da Sul Trasporti e Orsa Trasporti, si articola in un pacchetto di tre fasi all'interno delle quali e' prevista l'astensione dal lavoro ordinario e quello straordinario. In particolare, i possibili disagi si avranno nella mattinata di venerdì dalle 8:30 alle 12:30, quando sarà a rischio il servizio della linea A della metropolitana. Successivamente, i macchinisti della metro A si asterranno dal lavoro straordinario dal 15 al 18 aprile e dal 30 aprile al 25 maggio.
Maggiori info sul sito dell'Agenzia del trasporto autoferrotranviario del Comune di Roma (Atac).

Genova – Disagi anche a Genova. Per l'intera giornata la confederazione sindacale Cub, l'organizzazione sindacale Usi-Ait, il sindacato intercategoriale Cobas e il Comitato Immigrati in Italia hanno proclamato uno sciopero generale per tutte le categorie pubbliche (area dirigenza e area non dirigenza) e private da attuarsi nel rispetto della disciplina dei servizi pubblici essenziali.
Il personale viaggiante si asterrà dal lavoro dalle ore 11.35 alle ore 15.35 mentre il personale amministrativo, operaio e il restante personale si asterranno dal lavoro per l’intera giornata. 

Sciopero anche il 6 maggio 2011 –
Attenzione, secondo il calendario delle agitazioni pubblicato sul sito del Ministero dei trasporti, il 6 maggio si verificherà un altro sciopero generale dei trasporti che coinvolgerà il personale del settore aereo per 4 ore: dalle 10 alle 14. Le ferrovie, invece, si fermeranno dalle 14 alle 18, mentre il trasporto pubblico locale subirà dei fermi con modalità territoriali diverse. Nel settore marittimo le navi subiranno un ritardo di 4 ore nella partenza.

Leggi tutto