Arrivati a Napoli 471 profughi. Sbarchi anche in Sardegna

1' di lettura

I migranti sono approdati nel capoluogo campano, da Lampedusa, a bordo della nave San Marco. Nell'isola siciliana 800 nuovi arrivi. 32 migranti sono sbarcati a circa 40 km da Cagliari. 70 in sciopero della fame nella tendopoli di Manduria

Guarda anche:
Lo speciale Mediterraneo di Sky.it
L'album fotografico: tutti gli scatti sull'emergenza
Rabbia, speranza, paura. Ultima fermata Lampedusa
Tunisia-Europa, andata e ritorno. Il racconto dei migranti

(in fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza)

Continuano i trasferimenti da Lampedusa - A Lampedusa va avanti la macchina dei trasferimenti di migranti arrivati dal Nord Africa. Domenica, in oltre 3mila, hanno lasciato l'isola diretti a Trapani, Catania, Taranto e Napoli e altre centinaia di migranti lasciano l'isola sul traghetto "Flaminia" e sulla nave "Catania".

L'imbarcazione partita domenica alla volta di Catania, con a bordo 1.700 migranti, è arrivata nella città siciliana lunedì: 500 degli immigrati a bordo sono destinati alla struttura di Caltanissetta, altri 700 saranno condotti a Trapani, mentre il resto proseguirà la traversata fino a Napoli per essere accolto nel Centro di Santa Maria Capua Vetere, centro cui è destinata anche gran parte dei 478 profughi già giunti a Napoli sulla "San Marco".

Dei 478 migranti arrivati al porto di Napoli con la nave San Marco, 275 potrebbero invece proseguire per Livorno. Da qui i migranti verranno trasferiti in 11 strutture sparse sul territorio regionale, e in particolare nelle province di Firenze, Arezzo, Grosseto, Livorno e Pistoia. Sempre a Napoli è previsto l'approdo della nave 'Excelsior'.

La nave traghetto Clodia, della Grimaldi lines, partita domenica sera da Lampedusa con a bordo 1.040 immigrati tunisini invece non attraccherà più martedì alla base navale di Taranto, come previsto in un primo momento, e dovrebbe approdare a Napoli.
La nave Superba, con a bordo oltre 300 migranti, invece, è arrivata a Livorno.

In 70 rifiutano il pranzo nella tendopoli di Manduria
- Intanto nella tendopoli di Manduria la situazione è sempre più tesa in seguito alla protesta di 150 immigrati che dalla notte scorsa sono accampati di fronte all'ingresso della tendopoli. Settanta di loro hanno rifiutato il pranzo, iniziando uno sciopero della fame: non è sato fornito invece dai gestori della struttura il numero degli immigrati tunisini che hanno fatto la stessa scelta all'interno della tendopoli.

Nuovi sbarchi a Lampedusa e in Sardegna
- A Lampedusa continuano gli sbarchi: nella notte tra domenica e lunedì sono arrivati in 200 (tra cui 4 donne e 2 bambini), portando a 700 il saldo di quelli giunti da domenica grazie alla bonaccia che favorisce le traversate delle 'carrette del mare'. Un altro sbarco si è registrato poi nella serata di lunedì: in 90 sono arrivati sull'isola, a bordo di due imbarcazioni.

Primi sbarchi anche in Sardegna, dove 32 migranti sono approdati nella notte nella costa sud-occidentale, vicino alla spiaggia di Chia, a circa 40 chilometri da Cagliari. I due scafisti tunisini sono stati fermati dalla Guardia di finanza a bordo del peschereccio con il quale tentavano di rientrare a Tunisi dopo aver trasportato gli immigrati.

Berlusconi a Tunisi, presto vertice con Sarkozy - Intanto il premier Berlusconi è volato a Tunisi, per cercare un accordo con le autorità del Paese nordafricano per porre fine all'esodo dalla Tunisia e giungere ad un'intesa per il rimpatrio del maggior numero di migranti. "Cè l'assoluta volontà di trovare soluzioni che vadano nella direzione del controllo delle coste da parte della Tunisia. Noi daremo il nostro aiuto affinché il controllo sia efficiente e capillare", ha detto il premier. Il presidente del Consiglio ha inoltre detto che a breve si terrà un incontro italo-francese sulla questione degli immigrati.

Slitta invece la cabina di regia nazionale sull'emergenza che doveva svolgersi a Palazzo Chigi tra Governo, Regioni ed Enti locali martedì 5 e che è stata rinviato a mercoledì 6 aprile. Lo ha comunicato il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto.

Leggi tutto