Tentano "colpo" in banca, uccisi 2 rapinatori nel bresciano

1' di lettura

Un emiliano di 61 anni e un piemontese di 31 sono stati colpiti a morte da un vigilantes dopo aver cercato di rapinare un istituto di credito a Quizano D'Oglio. Un terzo complice, riuscito in un primo momento a fuggire, è stato arrestato

Due rapinatori sono stati uccisi durante un tentativo di rapina in una banca a Quizano D'Oglio, nel bresciano. A sparare sarebbero stati gli addetti alla vigilanza dell'istituto di credito.

Le due vittime, Otello Astolfi, 61 anni, di Ravenna, e  Ivan Alpignano, 27 anni, di Caselle (Torino), insieme al terzo complice, Dario Delle Grottaglie, 29 anni di Ciriè (Torino), sono arrivati a Quinzano d' Oglio a bordo di una Fiat Bravo. Hanno indossato maschere di silicone e, armati di taglierini, sono riusciti a farsi consegnare 10.300 euro, nella filiale della Cassa Rurale ed Artigiana di Borgo san Giacomo. Dopo aver messo il bottino nella borsa di una cliente e sono fuggiti.

A pochi metri, davanti alla filale Ubi banca, era fermo il furgone di un portavalori della Fidelitas. Una delle guardie giurate quando ha visto i tre, maschere di silicone calate sul volto e taglierino in mano, ha impugnato la pistola e intimato l'alt. In due sono fuggiti verso l' auto, uno l'avrebbe minacciato con il taglierino. La guardia giurata ha allora sparato i primi colpi: uno dei banditi si è rifugiato nel negozio di un calzolaio, gli altri due, in auto, hanno innestato la retromarcia. Il vigilantes, che ha visto nell'azione un tentativo di colpirlo, ha allora iniziato nuovamente a sparare, uccidento i due banditi nell'auto.

Il terzo rapinatore, Delle Grottaglie che aveva rubato una bicicletta e si stava allontanando dal paese è stato fermato poco dopo dai carabinieri. I militari non escludono che alla rapina possa aver preso parte una quarta persona.

Leggi tutto