'Ndrangheta: "Basta omertà, la Lombardia reagisca"

1' di lettura

Il procuratore di Reggio Calabria Giuseppe Pignatore, dalle colonne del Corriere, lancia l'appello: "Un cono d'ombra ha impedito fin qui di cogliere la diffusione dell'omertà e del silenzio in tante province del Nord", che favorisce i boss

Guarda anche:
'Ndrangheta, ultima fermata nord: lo speciale
'Ndrangheta a Milano: gli affari e i contatti con i politici
La 'Ndrangheta al Nord e quei contatti con la Lega
Se un blogger dà fastidio alla ‘ndrangheta

"Stiamo assistendo ad un'evoluzione decisiva" della 'ndrangheta. Lo afferma Giuseppe Pignatore, procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, in una lunga lettera al Corriere della Sera.
Il procuratore afferma che la 'ndrangheta reggina "non solo ha accumulato e continua ad accumulare immense ricchezze con il suo ruolo di interlocutore privilegiato dei narcotrafficanti sudamericani ma è anche riuscita ad espandersi in molte parti del mondo a cominciare dalla Lombardia e ad altre regioni del Nord Italia".
Nella sua lettera, Pignatore parla di una "colonizzazione" da parte della 'ndrangheta in ampie zone della Lombardia "e non solo riproducendo la sua peculiare struttura organizzativa con la creazione di decine di locali - prosegue il procuratore - e con l'affiliazione di centinaia di persone ma senza mai interrompere il legame essenziale con la terra d'origine a cui sono sempre rimesse le decisioni strategiche".
Il procuratore reggino lamenta che un "cono d'ombra informativo" ha impedito di cogliere "non solo la diffusione dell' omertà e del silenzio in tante province lombarde, come denunciato dalla procura della Repubblica di Milano - prosegue - ma, ancora e di più, la presenza della 'ndrangheta in tanti settori dell'economia dell'Italia centrale e settentrionale luogo ideale per investire, senza destare troppo l'attenzione, somme ingentissime, di cui le cosche dispongono". "Chiarissimo è stato in questo senso - precisa il magistrato nella sua lettera al Corriere - l'allarme del Governatore della Banca d'Italia".

Il procuratore Pignatone, infine, parla della consapevolezza di dover "contrastare la 'ndrangheta tanto in Calabria, dove ci sono il cuore e la testa dell'organizzazione, quanto nel Nord Italia, dove ci sono le sue ramificazioni e la sua espansione economica".
E poi invita alla "reazione della società civile, con tutte le sue articolazioni, ognuna delle quali può svolgere un ruolo prezioso" per sconfiggere "questo cancro della società, come l'hanno definito i vescovi italiani, che mette a rischio l'economia e la democrazia del nostro Paese".

Leggi tutto