L’Italia festeggia i 150 anni di Unità

1' di lettura

Bandiere e luci tricolori sui monumenti: così molte città celebrano la festa del 17 marzo. A Roma l’omaggio del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, all’Altare della Patria. Contestato Silvio Berlusconi. LO SPECIALE: VIDEO E FOTO

Guarda anche:
Unità d'Italia, vai allo speciale
Le piazze e i monumenti si colorano: LE FOTO

(In fondo all'articolo tutti i video sulla giornata del 17 marzo)

Città in festa
- Bandiere e luci tricolori. E' così che l'Italia ha iniziato a festeggiare i 150 anni della sua unificazione. Cortei, concerti, spettacoli al via già da mercoledì sera in molte città. A dare il via ai festeggiamenti è stata Torino, prima capitale d’Italia, con la mole Antonelliana vestita con le luci del tricolore. A Roma alla stazione Termini è stata issata la prima grande bandiera bianca, rossa e verde mentre un'altra capeggia in piazza dei Cinquecento. Illuminati da fasci tricolori l'Altare della Patria, il palazzo Senatorio in piazza del Campidoglio così come i principali monumenti della Capitale. Spettacoli, canti e balli anche a Firenze e poi a Bologna, dove musei e biblioteche sono rimasti aperti.

Napolitano visita i simboli di Roma - Giovedì mattina il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si è recato a Piazza Venezia, insieme al ministro della difesa Ignazio La Russa, per rendere omaggio al Milite Ignoto. Ad attenderlo, sulla scalinata dell'Altare della Patria il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, i presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato. Dopo essere stata passata in rassegna dal Capo dello Stato, lo schieramento di uomini di tutte le forze armate ha intonato l'inno nazionale accompagnata Dalla banda della Polizia di stato. A chiudere la cerimonia, il volo delle Frecce Tricolori.

Contestato Berlusconi
- Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato contestato dalla folla che si era accalcata davanti al complesso monumentale di Porta San Pancrazio in attesa che dal museo della Repubblica Romana uscissero le alte cariche dello Stato.

Proteste a Lampedusa
- Bandiere a mezz'asta per protesta a Lampedusa. Lo ha deciso il sindaco che a SkyTG24 (guarda il video) dice: "Sarà una giornata di lutto perché stiamo assistendo all'agonia dei nostri operatori turistici". Il riferimento è all'emergenza sbarchi che rischia di creare un danno all'economia locale.

Guarda tutti i video sull'Unità d'Italia:

Leggi tutto