Yara, il pm non esclude la violenza sessuale

1' di lettura

I primi risultati dell'autopsia sul corpo della 13enne di Brembate non chiariscono i dubbi degli inquirenti. La morte per soffocamento sarebbe comunque improbabile. Mistero sul taglio a forma di "X" trovato sulla ragazza


Guarda anche:
Yara: sul corpo tracce del Dna di un uomo e di una donna
Yara, tre mesi di inutili ricerche
Il gramma di Yara: l'album fotografico

Nuovi aggiornamenti, ma ancora tanti dubbi, sul caso di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate di Sopra trovata morta poco lontano da casa dopo tre mesi di ricerche. Alla Procura di Bergamo è arrivata la relazione preliminare sugli esiti medico-legali dell’autopsia sul corpo della ragazza. “I dati acquisiti – ha detto il sostituto procuratore che coordina le indagini, Letizia Ruggeri – non ci permettono di trarre conclusioni certe”. Le cause della morte non sono ancora esattamente definite. Ruggeri ha confermato che "l’assassino o gli assassini hanno colpito Yara con una lama e con un altro oggetto non ancora individuato che però potrebbe essere compatibile con una pietra, con un martello o con il calcio di qualche altra cosa”. Sul soffocamento, invece, gli inquirenti sono più certi: “Non penso che sia morta per asfissia”, ha aggiunto Letizia Ruggeri.

Il magistrato ha dichiarato anche che le indagini non si concentrano su Brembate, ma che le ricerche vengono fatte “in provincia. E si procede a carico di ignoti”. Secondo gli inquirenti inoltre, non sarebbe ancora possibile escludere del tutto la violenza sessuale su Yara. Gli esiti preliminari delle perizie non avrebbero comunque permesso di precisare con esattezza la maggior parte dei dubbi investigativi. “Se gli esperti ci dicono che c’è un profilo maschile e femminile, non ho motivo di dubitare”, ha risposto Letizia Ruggeri alle domande sulle indiscrezioni emerse ieri. Nemmeno la pista “rituale”, emersa perché sul corpo di Yara sarebbe presente un misterioso simbolo a forma di “X”, è del tutto esclusa.
Il dettaglio del segno a “X” è però quanto mai problematico. Corriere.it infatti riporta una dichiarazione del procuratore esattamente opposta, cioè negativa, sull’eventuale collegamento con la pista satanica o esoterica.

Tutti i video sul caso di Yara Gambirasio:

Leggi tutto