Ruby, soldi per cambiare la sua data di nascita

Ruby
1' di lettura

Secondo quanto scrive il Fatto Quotidiano il 7 febbraio "due misteriosi italiani" avrebbero offerto un’ingente somma di denaro all’impiegata dell’anagrafe di Fkih, in Marocco. L’obiettivo? Rendere Karima maggiorenne. GUARDA L'INTERVISTA ALL'IMPIEGATA

Guarda anche:
Caso Ruby: vai allo speciale
Berlusconi, da Veronica Lario a Noemi: tutte le foto

Due italiani accompagnati da un interprete marocchino, forse provenienti da Milano, avrebbero contattato il 7 febbraio scorso una funzionaria dell'anagrafe del piccolo villaggio del Marocco dove nacque Ruby, Fkih Ben Salah, chiedendole, invano, di falsificarne la data di nascita facendola risultare maggiorenne all'epoca delle sue frequentazioni con il premier Silvio Berlusconi. Lo riferisce il Fatto Quotidiano.

Il giornale afferma di essere stato contattato a metà febbraio da un parente della funzionaria. Dopo due settimane di verifiche e un viaggio sul posto, gli inviati del quotidiano affermano, in un servizio esclusivo, di avere raccolto la testimonianza della donna e "nuovi elementi utili a chiarire la vicenda". Tra questi, il certificato di nascita di Karima El Marough, pubblicato in prima pagina da Il Fatto, dove la ragazza risulta nata il primo novembre 1992.

Le persone che hanno contattato la funzionaria - scrive Il Fatto - "prima le hanno spiegato che volevano dare un'occhiata ai documenti d'anagrafe di questa tale Karima. Poi hanno fatto capire che la data di nascita annotata sul pubblico registro non è quella giusta", chiedendo di "correggere l'errore con un nuovo atto in cui inserire l'anno giusto, il 1990, al posto del 1992". Operazione non semplice all'anagrafe marocchina dove gli atti sono ancora scritti a mano, e che la funzionaria ha rifiutato di compiere. "Temevo di passare qualche guaio", ha spiegato agli inviati del Fatto, aggiungendo: "mi hanno offerto una somma importante".

In una nota i due legali del premier, Piero Longo e Niccolò Ghedini, fanno sapere di avere intenzione di depositare una specifica denuncia alla autorità giudiziaria al fine di accertare la veridicità o meno della vicenda narrata su 'Il Fatto Quotidiano'. Si ritiene, infatti, che in ogni caso si tratti di vicenda che tenda surrettiziamente a danneggiare gravemente il Presidente Berlusconi che e' totalmente estraneo ad ogni eventuale illecito comportamento".

Per l'affaire Ruby il premier è indagato per concussione e prostituzione minorile. Il processo si svolgerà a Milano.

Il video con l'intervista all'impiegata dell'anagrafe marocchina:


Leggi tutto