Lampedusa, continua lo stillicidio degli sbarchi

1' di lettura

Un altro barcone con una ventina di persone raggiunge l'isola, il cui centro di accoglienza ospita ormai più di mille migranti. Nei prossimi giorni arriveranno in visita Marine Le Pen e Mario Borghezio

Guarda anche:
Lampedusa: Tina, tedesca in fuga con gli immigrati tunisini
Lo speciale sull'emergenza immigrazione
Gli immigrati e l'Italia: tutte le foto

(in fondo all'articolo tutti i video sull'emergenza sbarchi)

Riprendono gli arrivi di migranti a Lampedusa. Sono 26 gli immigrati che erano a bordo della barca avvistata giovedì mattina al largo di Lampedusa da un aereo portoghese della missione europea Frontex e soccorsa dalle motovedette della Guardia costiera. Nel gruppo c'è una donna, gli altri sono tutti uomini adulti. Era dalla notte di martedì, quando erano stati recuperati 55 tunisini su uno scafo in procinto di affondare, che non giungevano più migranti a Lampedusa, a causa delle cattive condizioni del mare. Sono in questo momento 1.180 i migranti presenti nel centro di accoglienza. Programmati altri due voli per il trasferimento di circa 200 persone in strutture fuori dalla Sicilia.

Sull'isola, intanto, i giovani si mobilitano per invocare l'attenzione delle istituzioni di fronte alle conseguenze negative dell'emergenza immigrazione per l'economia. Così all'attivismo degli albergatori e degli operatori turistici, si aggiunge in queste ore la mobilitazione del "Comitato giovanile Lampedusa", che con un avviso su Facebook ha indetto un'assemblea per sabato mattina sulla spiaggia della Guitgia, di fronte al molo Favaloro, dove approdano i barconi dei migranti. Anche il Comitato dei giovani, come del resto quello degli operatori turistici, manifesta una certa diffidenza se non ostilità nei confronti dei giornalisti, ritenuti responsabili di rappresentare il fenomeno dell'immigrazione con accenti allarmistici.

Intanto un aereo e due unità navali della missione europea Frontex si sono aggiunti ai mezzi navali e aerei delle forze dell'ordine italiane dispiegati per l'emergenza immigrazione a Lampedusa. Nei prossimi giorni giungerà un aereo militare olandese, mentre le unità navali aggiuntive sono entrambe italiane: si tratta di due pattugliatori d'altura, uno della guardia di finanza e uno della guardia costiera. La missione Frontex ne sostiene i costi sia di funzionamento sia di equipaggio. Il Comune di Lampedusa si è messo nel frattempo in moto in vista della visita che lunedì compiranno sull'isola la leader dell'estrema destra francese, Marine Le Pen, e l'eurodeputato leghista Mario Borghezio. Sul fronte politico il ministro degli Esteri, Franco Frattini, a conclusione del Consiglio informale Ue a Bruxelles, dice: "L'Italia non può essere il gendarme dell'Europa, la solidarietà europea impone che tutti si facciano carico del flusso migratorio". E il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, sottolinea: "L'Italia condividerà le scelte della Nato sulla Libia. La nostra posizione non sarà nè quella di aizzare nè quella di frenare. La Nato fa bene a tenere pronte diverse opzioni. La scelta avverrà secondo gli sviluppi della situazione".

Leggi tutto