Università, meno iscrizioni e più lavoro nero

1' di lettura

Cresce la disoccupazione tra i laureati: dal 15 al 16% per chi ha una laurea triennale, e dal 16 al 18% per chi ha conseguito anche la specialistica. Tutte le facoltà perdono iscrizioni: -5% nell'ultimo anno, -9,2% negli ultimi 4. Lo studio di Almalaurea

Guarda anche:
Lo speciale sulla scuola di Sky.it
Scuola tra riforme e proteste: l'album fotografico


Meno matricole e meno laureati. L'università pubblica italiana arretra. Tutte le facoltà  perdono iscrizioni (-5% nell'ultimo anno, -9,2% negli ultimi 4) - anche se le scientifiche tengono meglio - e il Sud e il Centro Italia soffrono di più rispetto al Nord.
A fotografare il poco confortante scenario dell'istruzione superiore in Italia (in controtendenza gli atenei privati che registrano un aumento delle immatricolazioni del 2% assorbendo il 6,6% degli immatricolati totali) sono due rapporti, uno realizzato dal Cun (Consiglio universitario nazionale), l'altro elaborato dal consorzio Almalaurea, entrambi presentati nella sede della Crui.
Sul banco degli imputati certamente c'è la crisi economica - per molte famiglie mantenere un figlio all'università è diventato un costo insostenibile - ma non solo.

Mancano investimenti nel campo dell'istruzione - "Manca una efficace politica di orientamento nelle scuole superiori che sventi il rischio di avere una massa di giovani di serie B rispetto agli altri Paesi" ha spiegato il presidente del Cun Andrea Lenzi puntando l'indice anche contro una campagna mediatica che non ha giovato al settore (si continua a dire troppi laureati, non trovano lavoro ecc...).
E sicuramente gli investimenti in istruzione non fanno onore al nostro Paese: fra i 28 paesi dell'Oecd, infatti - ha sottolineato il presidente di Almalaurea, Andrea Cammelli - il finanziamento italiano, pubblico e privato, in istruzione universitaria è più elevato solo di quello della Repubblica Slovacca e dell'Ungheria (l'Italia vi destina lo 0,88% del Pil, contro l'1,07 della Germania, l'1,27 del Regno Unito, l'1,39 della Francia e il 3,11 degli Stati Uniti). Insomma, per dirla con le parole del rettore della Sapienza, Luigi Frati, presente in Crui, si brucia il futuro dei giovani e del Paese se si continua a investire in comunità montane inutili piuttosto che in istruzione e ricerca.

Meno iscritti -
Quali che siano le cause, l'università ha perso appeal. Lo dimostra il fatto che pur essendo aumentati i diplomati delle scuole superiori - +0,9% nel 2010 - si sono iscritti in meno all'università: il 62%, contro il 66% del 2009, il 65% nel 2008 e il 68% nel 2007. Eppure la laurea continua a "pagare": i laureati presentano un tasso di occupazione di oltre 11 punti percentuali maggiore rispetto ai diplomati (77 contro 66%) e anche la retribuzione premia i titoli di studio superiori: risulta più elevata del 55% rispetto a quella percepita dai diplomati.
Inoltre, è indubbio che, anche se un po' meno rispetto all'anno passato, i laureati fanno ancora fatica a trovare lavoro dopo aver messo in tasca il titolo di studio.

Aumenta la disoccupazione - Considerando i laureati del 2009 emerge che la disoccupazione aumenta, seppure in misura inferiore all'anno scorso, fra i triennali: dal 15 al 16% (l'anno precedente l'incremento era stato intorno ai 4 punti percentuali). La disoccupazione cresce anche fra i laureati specialistici biennali, quelli con un percorso di studi più lungo: dal 16 al 18% (la precedente rilevazione aveva evidenziato una crescita di oltre 5 punti percentuali). Ma sale pure fra gli specialistici a ciclo unico: dal 14 al 16,5%.
Dilatando l'arco temporale di osservazione al periodo 2005-2010 la quota di laureati pre-riforma occupati a cinque anni ha subito una contrazione di quasi 6 punti percentuali.
In termini occupazionali le differenze Nord-Sud sono rimaste sostanzialmente immutate. A cinque anni dalla laurea tra i laureati residenti al Nord il tasso di occupazione Š pari all'87%, contro il 74% rilevato tra i colleghi del Sud (nella rilevazione precedente i tassi rilevati erano, rispettivamente, 88 e 75%). (ANSA).

Leggi tutto