Mike Bongiorno, due fermati per estorsione

1' di lettura

La procura di Verbania ha disposto il fermo di due italiani. Avrebbero chiesto il pagamento di alcune centinaia di migliaia di euro per la restituzione del corpo del presentatore

Mike Bongiorno, quando la salma diventa arma di ricatto
La bara rubata dal cimitero di Arona. LE FOTO
SPECIALE MIKE BONGIORNO
MIKE: L'ALBUM FOTOGRAFICO

Due persone sono state fermate la scorsa notte dai carabinieri per tentata estorsione alla famiglia di Mike Bongiorno. Il fermo dei due, che sono italiani, è stato disposto dalla Procura di Verbania che indaga sul trafugamento della salma di Mike Bongiorno. I due si sarebbero detti pronti a restituire la bara in cambio di alcune centinaia di migliaia di euro. Le indagini dei carabinieri di Arona e Verbania hanno appurato che non avevano nulla a che fare con il sequestro, ma che hanno cercato di approfittare della situazione.

"La salma - precisa in una nota il procuratore della Repubblica di Verbania, Giulia Perrotti - non è  stata ancora rinvenuta e sono tuttora in corso indagini per identificare gli autori del trafugamento. Ulteriori dettagli dell'operazione saranno forniti in una conferenza stampa "che sarà indetta nei prossimi giorni - dicono gli inquirenti - compatibilmente con lo sviluppo delle investigazioni".

Leggi tutto