Dopo le rivolte, l'ondata di sbarchi

1' di lettura

In Sicilia è ancora emergenza, i nordafricani arrivano in continuazione e non più solo a Lampedusa. Berlusconi e Maroni visiteranno in mattinata a Catania una nuova struttura di accoglienza. L'isola è al collasso, denunciano i quotidiani. RASSEGNA STAMPA

Guarda anche:
Emergenza immigrati a Lampedusa: LE FOTO
Caos in Nord Africa: lo speciale di Sky.it

(in fondo all'articolo tutti i video sugli ultimi sbarchi)

Emergenza sbarchi -Nel centro di accoglienza di Lampedusa, rimasto vuoto per quasi due anni, i materassini di gommapiuma sono sparsi dovunque, nei corridoi dei bagni, davanti all'infermeria e all'aperto, sotto le piante. Lì hanno dormito stanotte 2.100 persone, mentre la struttura potrebbe ospitarne 850. Non è difficile capire che le cose, così, non possono continuare.
A Lampedusa lo sanno tutti. Poliziotti e carabinieri, la gente del posto, le associazioni umanitarie che, chi per un verso chi per un altro, temono che la situazione - finora tranquilla - possa degenerare. Il rischio c'è, ed è per questo che occorre liberare il centro prima possibile. Anche perché il tempo è peggiorato e da due giorni non sono stati sbarchi, ma che cosa succederà se ne dovessero sbarcare in un giorno, com'è successo, altri mille?

Rassegna stampa - Questa è la domanda all'ordine del giorno della politica italiana e in prima pagina su molti dei quotidiani in edicola.
in queste ore, inoltre, ci si chiede se non fosse prevedibile questa nuova ondata di immigrati dopo le rivolte che hanno interessato da ultimo l'Egitto.
"Dalle rivolte onda emigrazione" titola a nove colonne il Sole 24 ore. "E' allarme sull'ondata di emigrazione innescata dalle rivolte in Nordafrica e nel medio Oriente".

"Lampedusa è al collasso", titola il quotidiano la Stampa, che a pagina 5 ospita le parole dell'ex ministro dell'Interno Beppe Pisanu."Italia ed Europa miopi e ciniche. Era tutto prevedibile". dichiara l'attuale presidente della Commissione bicamerale Antimafia. E denuncia: "La nostra politica si è fermata a buoni rapporti con Tripoli".

"Maroni: arriveranno in 80 mila" titola invece la Repubblica che rilancia l'allarme di Maroni e lo scontro tra Italia e Ue.
Il quotidiano, inoltre, a pagina 4 pubblica un dossier sul tema immigrazione che punta il dito contro due dichiarazioni contraddittorie fatte dal ministro dell'Interno.
"L'intesa tra italia e Libia contro gli sbarchi è un ottimo accordo che ha risoltol'emergenza" ha dichiarato il titolare del Viminale il 10 agosto 2010.
"Un esodo biblico di fronte al quale siamo soli perchè l'Europa non sta facendo nulla" ha invece sostenuto qualche giorno fa.

Oggi Berlusconi in Sicilia - Intanto, l'emergenza migranti a Lampedusa alla fine approda in Europa. Il premier Berlusconi ha infatti chiamato il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, che ha convenuto sull'opportunità che "al più presto" sia convocato un vertice dei capi di Stato e di Governo dei 22 per discutere della questione. In precedenza non erano mancate le incomprensioni e gli scontri sull'asse Roma-Bruxelles, con un botta e risposta tra il commissario europeo Cecilia Malmstrom ed il ministro dell'Interno, Roberto Maroni. E mentre la Tunisia fa sapere che non accetterà ingerenze sulle sue questioni interne, il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblica ha messo a punto il piano per l'accoglienza dei 5.278 tunisini sbarcati a Lampedusa nell'ultimo mese. Lo stesso Berlusconi, accompagnato da Maroni, oggi sarà nel catanese per visionare una struttura che potrebbe ospitare i migranti.

Leggi tutto