Ruby, attesa la decisione sul rito immediato per il premier

1' di lettura

Il gip di Milano Cristina Di Censo potrebbe decidere oggi sulla richiesta avanzata dai pm di Milano. Si attende invece per il fine settimana la chiusura del filone principale dell'inchiesta che vede indagati Nicole Minetti, Lele Mora e Emilio Fede

Berlusconi e le donne: L'ALBUM FOTOGRAFICO

Guarda anche:

Ruby, così si difende il premier
Caso Ruby: vai allo speciale di Sky.it
Ruby&Friends, le parole dei protagonisti dello scandalo

E' attesa per oggi la decisione del gip di Milano Cristina Di Censo sulla richiesta di giudizio immediato per Silvio Berlusconi imputato per concussione e prostituzione minorile nell'ambito dell'inchiesta sul caso Ruby. Inchiesta che, per quanto riguarda il troncone principale nel quale sono indagati il consigliere regionale Nicole Minetti, Lele Mora, Emilio Fede e altre persone, dovrebbe essere chiusa entro la fine di questa settimana o al massimo i primi giorni della prossima.

Il magistrato, oltre a un gran numero di faldoni con gli atti tecnici relativi alle procedure per le intercettazioni telefoniche, ha valutato le 782 pagine di documentazione inviata dalla Procura: si va dalle intercettazioni tra i vari ospiti, indagati e non, alle presunte feste a luci rosse ad Arcore, a una serie di testimonianze inedite fino ai cinque verbali delle dichiarazioni rese da Ruby tra il luglio e l'agosto scorsi in cui la marocchina descrive le serate a casa del capo del Governo. Verbali nei quali, ovviamente,  una serie di nomi di persone, che la giovane marocchina ha riferito di aver visto a villa San Martino, sono stati omissati in quanto la loro presenza non è stata riscontrata.

Sono invece  ancora in corso riscontri su Iris Berardi (GUARDA LE FOTO), la modella brasiliana che quando era ancora minorenne è stata, da quanto è stato accertato finora, un paio di volte nelle ville del premier. Questo 'capitolo' però è ancora da scrivere.

Tra giovedì e venerdì, o nei primi giorni della prossima settimana, gli inquirenti chiuderanno l'inchiesta e depositeranno gli atti alle difese in vista della richiesta di rinvio a giudizio quanto meno del consigliere regionale Nicole Minetti, del direttore del TG4 Emilio Fede e del talent scout Lele Mora, accusati di induzione e favoreggiamento della prostituzione di ragazze maggiorenni e della minore Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori. E' lei al momento l'unica parte offesa nel procedimento. La giovane però è indagata dal pm dei minori Ciro Cascone per furto e false generalità.

Leggi tutto