Ragazzo massacrato di botte a Milano, 4 arresti

1' di lettura

I carabinieri hanno fermato i presunti responsabili del pestaggio di un sedicenne che si trovava in viale Monza per comprare una bottiglia di vodka. Solo uno di essi aveva precedenti penali

Quattro giovani di età compresa tra i 20 e i 25 anni sono stati arrestati dai carabinieri di Milano perché ritenuti i presunti responsabili del pestaggio avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsi ai danni di un sedicenne che ha riportato gravi traumi e lesioni.
Il giovane, che era stato picchiato a sangue, aveva riportato anche la frattura della mascella ed era stato sottoposto ad un intervento chirurgico riportando una prognosi di oltre 90 giorni.

I quattro in stato di fermo con l'accusa di rapina aggravata dai futili motivi e lesioni, sono Alessandro M., 18 anni, il fratello Daniele, 21, entrambi studenti, e Andrea S., di 20 anni, carrozziere; il quarto, Antonio M., di 21 anni, è l'unico che ha precedenti e che è stato arrestato sei mesi fa per un episodio analogo, la rapina aggravata in concorso a un minorenne di una bicicletta sempre a Milano.

Secondo quanto spiegato dai carabinieri della Compagnia Monforte la brutale aggressione sarebbe avvenuta intorno a mezzanotte all'esterno di un bar che si trova in viale Monza, dove il sedicenne insieme a un amico (che è riuscito a fuggire) era entrato per comprare una bottiglia di vodka che gli era stata venduta nonostante fosse minorenne.
E' bastato che il ragazzo con la bottiglia urtasse uno dei quattro, Alessandro M., per scatenare l'aggressione, che secondo i carabinieri è stata molto brutale anche per via dell'alcol che tutti e quattro i giovani bevevano sin dal pomeriggio precedente.
Gli stessi, dopo aver visto caricare sull'ambulanza il ragazzo rimato a terra in una pozza di sangue, hanno bevuto tutti insieme la bottiglia di vodka che gli avevano sottratto.

Leggi tutto