Amnesty, per combattere la discriminazione basta un'immagine

1' di lettura

L’organizzazione umanitaria lancia il concorso fotografico “Scatta contro la discriminazione”. “Il nostro scopo è quello di promuovere la diversità”, dice la Ong. In palio una Borsa di studio per un Master e un viaggio a Bruxelles. Scopri come partecipare

Cancellare la discriminazione con un flash. È l’obiettivo di Amnesty International. L’organizzazione umanitaria lancia il concorso fotografico “Scatta contro la discriminazione”. Fino al 31 marzo si possono inviare delle immagini che, trasmettendo messaggi positivi, esaltino il valore di una società inclusiva e mostrino l’importanza del rispetto dei diritti di tutti. “Vogliamo che la gente si mobiliti – spiega la Ong – e che, con creatività, esprima la sua visione di una società più giusta. Il nostro scopo, attraverso le foto, è quello di promuovere la diversità e contrastare i pregiudizi e gli stereotipi”.

L’iniziativa di Amnesty, che coinvolge tutte le sezioni del vecchio continente, in Italia è inserita nella campagna “Per un’Europa senza discriminazioni”. Il proposito è quello di ridurre la persecuzione e la disparità di trattamento sulla base di sesso, razza, religione, orientamento sessuale. “Milioni di persone in Europa subiscono ancora esclusione sociale, povertà, maltrattamenti e violenza per quello che sono, quello che si presume siano o ciò in cui credono – dicono dalla sezione italiana di Amnesty –. La discriminazione è oggi uno degli abusi più gravi e pervasivi dei diritti umani. La parità di trattamento non è una questione di cortesia ma un diritto riconosciuto da Dichiarazioni e trattati”. Una Direttiva europea antidiscriminazione, la difesa dei diritti dei Rom, l’inclusione sociale di persone “lesbiche, gay, omosessuali e transgender”: sono questi i punti fondamentali per cui la campagna si batte.

“Il nostro concorso fotografico – spiega la Ong – dà la possibilità di cambiare gli atteggiamenti che alimentano la discriminazione in Europa”. All’iniziativa possono partecipare tutte le persone tra i 14 e i 35 anni, di qualsiasi nazionalità, residenti in Italia (tranne i fotografi professionisti). Ogni candidato può presentare al massimo tre scatti, a colori o in bianco e nero. Le immagini devono essere realizzate appositamente per il concorso, inedite e mai apparse in nessun altro contesto (neppure su Facebook o Flickr).

La giuria italiana, composta da cinque personalità provenienti dal mondo della fotografia e della tutela dei diritti umani, selezionerà dodici scatti che verranno raccolti in un calendario e utilizzati per sostenere la campagna “Per un’Europa senza discriminazione”. L’autore della foto vincitrice, inoltre, riceverà una Borsa di studio per un Master al Centro sperimentale di fotografia di Roma. La commissione italiana, poi, sceglierà tre immagini che, insieme agli scatti provenienti dagli altri Paesi, parteciperanno al concorso europeo che si terrà a Bruxelles. La giuria europea riesaminerà le fotografie arrivate, ne selezionerà dodici che verranno utilizzate a sostegno delle campagne internazionali di Amnesty e, tra queste, decreterà le tre vincitrici che riceveranno un premio durante una cerimonia che si svolgerà a maggio nella capitale belga.

Per partecipare al concorso “Scatta contro la discriminazione” bisogna scaricare e compilare il modulo di iscrizione e le liberatorie. Le foto, poi, devono essere inviate per posta entro il 31 marzo, in formato cartaceo o elettronico (Cd o Dvd), all’indirizzo Amnesty International - Sezione italiana, Via Giovanni Battista de Rossi n°10, 00161, Roma.

Leggi tutto