Caso Ruby: Masi telefona ad Annozero, scontro con Santoro

1' di lettura

Il direttore generale della Rai è intervenuto al programma di Raidue, dedicato allo scandalo che coinvolge il premier, per dissociarsi dalla trasmissione: "Viola le regole". Il conduttore: "Ritiri quello che ha detto". VIDEO

Leggi anche:
Berlusconi: lite in diretta con Gad Lerner
"Ruby ci sta sputtanando": le nuove intercettazioni
La procura di Milano indaga su Berlusconi

Dopo lo scontro, telefonico, tra Gad Lerner e Silvio Berlusconi, durante l'Infedele, un'altra lite in diretta è andata in onda nella puntata di Annozero, questa volta tra il conduttore del programma di Raidue, Michele Santoro, e il direttore generale Mauro Masi. Dopo l'anteprima della puntata, in cui sono stati proposti stralci delle intercettazioni sulle feste di Arcore, Masi ha  infatti telefonato in trasmissione dissociarsi dall'impostazione della puntata.

"Non sono mai intervenuto direttamente - ha esordito Masi al telefono rivolgendosi a Santoro - anche quando mi ha citato in diretta. Ma stavolta faccio un'eccezione. A tutela dell'azienda di cui sono direttore generale e che è anche la sua azienda, mi debbo dissociare nella maniera più chiara dal tipo di trasmissione che lei sta impostando, che a avviso mio e dei nostri legali viola il codice di autoregolamentazione sulla rappresentazione dei processi in tv, tema sollevato non più tardi di venerdi' scorso anche dal presidente della Repubblica Napolitano".

Santoro, che aveva aperto la puntata prendendo le distanze dalla circolare di Masi sulla necessità di una partecipazione paritetica del pubblico rispetto alle posizioni degli ospiti, ha allora incalzato il dg chiedendogli se a suo avviso la trasmissione violasse le regole e dunque se volesse chiuderla. Masi allora ha risposto: "Le sto dicendo che ritiro me stesso e l'azienda dal tipo di trasmissione che sta facendo". "Se ritira se stesso - ha commentato Santoro - mi pare anche buono".

"Ho sempre garantito che la trasmissione andasse in onda - ha detto ancora il dg - non sono io che debbo stabilire se le regole vengono violate o no", ha ribadito Masi, prima che Santoro chiudesse bruscamente la conversazione con un secco 'buonanotte'.

"Non potevo fare altrimenti, perché avevo il dovere di difendere l'Azienda dalle possibili conseguenze derivanti dalla violazione di quanto previsto dal Codice di autoregolamentazione" ha detto il direttore generale della Rai, Mauro Masi, in una dichiarazione diffusa dopo l'intervento telefonico nella trasmissione Annozero.

Guarda il video

Leggi tutto