Il Tar accoglie la class action sull'edilizia scolastica

1' di lettura

Entro 120 giorni il ministero dell'Istruzione dovrà emettere il Piano generale di riqualificazione per rimediare alle classi "pollaio" con più di 30 alunni. La Gelmini replica: "Sono solo lo 0.4% del totale". VIDEO

No alle aule sovraffollate, le cosiddette 'classi-pollaio'. Entro 120 giorni il ministero dell'Istruzione dovrà emettere il Piano generale di riqualificazione dell'edilizia scolastica per mettere in sicurezza le scuole e evitare le aule da 35-40 studenti. E' questo il messaggio chiaro che proviene dal Tar del Lazio che ha accolto una class action che il Codacons definisce "la prima azione collettiva contro la pubblica amministrazione accolta in Italia".
Poche ore dopo, la risposta del ministero: il ricorso presentato al Tar del Lazio "è destituito di qualsiasi fondamento perchè‚ le classi con un numero di alunni pari o superiore a 30 sono appena lo 0,4% del totale".

Tutto inizia anno fa, quando l'associazione diffida i ministeri competenti (Istruzione, Interno, Economia, Innovazione) e gli Uffici scolastici regionali, ad adottare entro 90 giorni quanto previsto dalla legge in materia di formazione delle classi scolastiche. Numerose, infatti, erano state le segnalazioni di insegnanti, studenti e genitori per lamentare una diffusa inosservanza degli indici minimi di edilizia scolastica e dell'indice di massimo affollamento. Per il ministero, il Codacons era troppo generico nè il caso era di sua competenza. Il passaggio successivo non poteva che essere chiedere d'intervento dei giudici amministrativi.

Ora la risposta del Tar: "Il maggiore affollamento delle aule e la relativa inidoneità delle stesse a contenere gli alunni in condizioni di sicurezza, salubrità e vivibilità - si legge nella sentenza - costituisce implicazione di carattere strutturale non risolubile attraverso misure di carattere meramente organizzativo, ma unicamente affrontabile attraverso una mirata riqualificazione edilizia degli edifici e delle aule". E poi, l'analisi impietosa: "A dispetto dell'imperativo legislativo, l'anagrafe non ha avuto, per lungo tempo, compiuta ed efficace attuazione".

Per il Tar, il fatto che i ministeri competenti abbiano creato un elenco delle scuole in situazione potenzialmente critica, è "cosa diversa dal Piano generale di riqualificazione dell'edilizia scolastica e puo' qualificarsi ed al contempo giustificarsi solo quale misura urgente e provvisoria".

In definitiva, nessuna misura definitiva è stata emanata; i ministeri dell'Istruzione e dell'Economia, dovranno emanare di concerto il Piano generale "entro 120 giorni dalla comunicazione o notificazione della presente sentenza, all'uopo utilizzando le risorse strumentali, finanziarie ed umane già assegnate in via ordinaria e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica".

Il Codacons canta vittoria: "Ora il ministo Gelmini dovra' emettere un piano in grado di rendere sicure le aule scolastiche ed evitare il formarsi di classi da 35 o 40 alunni ciascuna - dice il presidente Carlo Rienzi - Se non lo fara' saremo costretti a chiedere la nomina di un commissario ad acta che si sostituisca al ministro e ottemperi a quanto disposto dal Tar. Grazie a questa sentenza, docenti e famiglie i cui figli sono stati costretti a studiare in aule pollaio, potranno chiedere un risarcimento fino a 2.500 euro in relazione al danno esistenziale subito".

Nel pomeriggio da viale Trastevere la risposta: "Il ricorso è destituito di qualsiasi fondamento", "il sovraffollamento riguarda prevalentemente la scuola secondaria di II grado e si lega soprattutto alle scelte e alle preferenze delle famiglie per alcuni istituti e sezioni". E ricordano che "è già stato stanziato un miliardo di euro e assegnata una prima tranche di 358 milioni per avviare gli interventi più urgenti" in materia di edilizia scolastica.

Leggi tutto