Immigrati: ad Asti e Firenze il primo test di italiano

1' di lettura

Queste le prime due città dove si svolgono le prove che permettono agli stranieri di ottenere un permesso di soggiorno a tempo indeterminato. “E’ una carta importante perché ci permette di evitare la burocrazia” raccontano

Guarda anche:
Se l'insegna parla tante lingue, e accende la polemica
Badanti straniere, una su due lavora in nero

“Questa carta per me è importante perché mi permette di evitare la burocrazia”. “Sono tranquilla, ma vorrei avere un permesso di soggiorno fisso, senza doverlo rinnovare ogni due anni”. Per questo motivo, per ottenere un permesso di soggiorno a tempo indeterminato, centosettanta immigrati tra Firenze e Borgo San Lorenzo (Firenze) e 10 ad Asti sono alle prese con il primo test di conoscenza della lingua italiana. Il test, messo a punto e supervisionato a cura dell'Ufficio scolastico provinciale, in base alle indicazioni del Ministero degli Interni, prevede una prova di ascolto, una prova di lettura e comprensione e una prova di produzione.

La prova viene considerata superata se il candidato ottiene un risultato positivo almeno nell'80% del punteggio complessivo delle prove. Nel caso di esito negativo, sarà possibile presentare subito una nuova richiesta. Le domande vengono raccolte dalle prefetture che hanno anche il compito di verificare i requisiti di accesso degli stranieri. In molte altre città italiane sono già state programmate le prove per gli immigrati che hanno presentato la domanda: in totale sono 6.764.

Leggi tutto