Giustizia: la prescrizione incombe sui processi del premier

1' di lettura

Il caso Mills, i diritti televisivi di Mediaset e Mediatrade: sono i procedimenti a carico di Berlusconi sospesi dal legittimo impedimento. In tutti i casi si dovrebbe ricominciare da zero

Leggi anche:
Berlusconi sul legittimo impedimento: "Sono indifferente"
Berlusconi: "Su legittimo impedimento pronto alla piazza"
Consulta, sì al referendum sul legittimo impedimento

Sono tre i procedimenti penali, due in fase di processo e il terzo in udienza preliminare, a carico di Silvio Berlusconi, sospesi nei mesi scorsi in attesa che la Corte Costituzionale si pronunciasse sulla legittimità costituzionale della legge sul legittimo impedimento. Su tutti, quando il processo dovrà riprendere, incombe il termine della prescrizione, anche per l'allungarsi dei tempi dovuto alla sospesione.

Il caso Mills: il premier è imputato davanti ai giudici della decima sezione penale di Milano per corruzione in atti giudiziari in concorso con l'avvocato inglese David Mills, condannato a quattro anni e sei mesi in primo e secondo grado, ma per il quale la Cassazione ha dichiarato la prescrizione del reato. Il processo è stato sospeso dal collegio, presieduto da Francesca Vitale, il 16 aprile scorso. Il giudice Vitale nel frattempo è passata alla Corte d'Appello e, qualora il processo riprendesse, ripartirebbe 'da zero' con un nuovo presidente, Antonella Lai, e due nuovi giudici. La prescrizione scatta a fine 2011.

Diritti televisivi: Silvio Berlusconi è poi imputato davanti ai giudici della prima sezione penale di Milano per frode fiscale, in relazione a presunte irregolarità nella compravendita dei diritti televisivi da parte di Mediaset. A processo ci sono anche altri 11 imputati, tra cui il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri. La sospensione del processo, con la trasmissione degli atti alla Consulta, è stata decisa lo scorso 19 aprile. Anche in questo caso, qualora il processo riprendesse, dovrebbe essere nominato un nuovo presidente del collegio, perchè il giudice Edoardo D'Avossa, trasferito da tempo al Tribunale di La Spezia, non potrebbe più beneficiare dell'applicazione temporanea a Milano. E dunque il processo, che era già in fase di prove testimoniali, ripartirebbe dall'inizio. In questo caso potrebbero dover essere ripetute anche rogatorie con udienze all'estero che comportano tempi molto lunghi. La prescrizione è prevista nel 2012.

Mediatrade: il premier è infine imputato nel caso Mediatrade. Il procedimento è stato sospeso lo scorso 24 giugno quando era in fase di udienza preliminare davanti al gup di Milano Marina Zelante. Il premier è accusato di appropriazione indebita e frode fiscale, nell'ambito dell'inchiesta Mediatrade-Rti su presunte irregolarità nella compravendita di diritti televisivi per creare fondi neri. Per il premier l'accusa è di frode fiscale, contestata fino al novembre del 2009, per 8 milioni di euro evasi, e di appropriazione indebita, che sarebbe stata consumata tra Milano e Dublino, dall'8 febbraio 2003 al 30 novembre 2005, per 34 milioni di dollari. Nel procedimento sono imputati anche il figlio del premier, Pier Silvio Berlusconi, e Fedele Confalonieri. Anche in questo ultimo caso, il gup Zelante non potrà più occuparsi del procedimento poichè è stata trasferita in una sezione del Tribunale e l'udienza preliminare ripartirebbe davanti al gup Maria Vicedomini.

Tutti i video sul legittimo impedimento

Leggi tutto