Dimmi a che velocità navighi e ti dirò se c'è la truffa

1' di lettura

L'Autorità per le Telecomunicazioni ha messo a punto il "Misura Internet", un software per verificare la qualità di connessione e accertarsi che il collegamento alla Rete rispetti le prestazioni garantite dall'operatore telefonico. Ecco come fare

Si paga per 20 megabit al secondo, ma la velocità reale di accesso è di due o cinque, o poco più. Questa la 'sorpresa' che attende tanti consumatori che decidono di sottoscrivere un abbonamento fisso per la banda larga o larghissima e che scoprono di avere un collegamento a Internet più lento del dovuto. Un fenomeno che l'Autorità per le Tlc definisce 'patologico' e che ha deciso di contrastare con il 'Misura Internet', uno strumento anti-trucchi gratuito, a disposizione di tutti, con valore probatorio in caso di reclamo.

Misura Internet -
Si tratta di un semplice software, chiamato Ne.Me.Sys, acronimo di Network Measurement System, che consente di verificare che i valori misurati sulla singola linea telefonica siano rispondenti a quelli dichiarati e promessi dagli operatori nell'offerta contrattuale da loro sottoscritta.

Come funziona -
Il funzionamento di Misura Internet è molto semplice: è sufficiente installare il software (seguendo tutte le indicazioni sul sito) e aspettare che questo, automaticamente, avvii la misura che durerà un minimo di 24 e un massimo di 72 ore, con almeno una verifica ogni ora. I risultati (evidenziati in blu) possono essere confrontati con i valori indicati dal proprio operatore nella documentazione allegata all'offerta sottoscritta: se risultano peggiori rispetto a quanto promesso, nella colonna 'Reclamo' sono evidenziate le modalità e i riferimenti per presentare, entro 30 giorni a partire dalla data di emissione del Pdf con i risultati delle misure, il reclamo all'operatore chiedendo il ripristino degli standard di qualità contrattuali. Se entro 30 giorni dalla ricezione del reclamo l'operatore non ripristina i livelli di qualità del servizio garantiti, l'utente ha il diritto di recedere senza penali dal contratto sottoscritto per la sola parte relativa al servizio di accesso ad Internet

Il software è partito alla fine di ottobre e, a poco più di un mese, aveva già superato i 26mila visitatori con oltre 5.400 iscrizioni e la stampa di circa 250 'relazioni' della misurazione, il documento che dà diritto, in caso di mancata corrispondenza con i requisiti offerti dall'operatore, al suo impiego ai fini di disdetta gratuita del contratto.

Leggi tutto