Dopo le piogge, la neve: freddo e fiocchi bianchi al Nord

1' di lettura

Una nuova perturbazione è arrivata sull’Italia, causando un abbassamento delle temperature. Nevicate anche a Torino, Milano e Bergamo. Allerta in Toscana e nelle Marche. Disagi in Liguria. Migliora la situazione in Veneto. VIDEO, FOTO, PREVISIONI

SEGUI LE PREVISIONI METEO

Parigi, cenone e messa di Natale in aeroporto: FOTO
L'Italia e l'Europa sotto la neve: FOTO
E ora l'emergenza neve si sposta in Russia e Stati Uniti

Dopo le piogge che hanno sconquassato soprattutto il Centro-Nord, adesso arriva al gelo. E' arrivata in queste ore sulla nostra penisola il grande freddo, con le temperature che si sono già abbassate nella giornata di domenica 26 dicembre e che continueranno a farlo nelle prossime ore. Il Dipartimento della Protezione civile che ha emesso un nuovo avviso di avverse condizioni meteo, continua a monitorare la situazione. Neve e venti forti sono attesi in Toscana e nelle Marche, mentre già da diverse ore sono cominciati a scendere fiocchi bianchi al Nord, anche nelle città come Torino, Milano e Bergamo.

Migliora invece la situazione del Po e a Venezia l'acqua alta ha dato tregua ai veneziani e ai turisti in visita alla città (GUARDA LE FOTO): dopo giorni di “picchi” da record la marea, grazie all'attenuazione in Adriatico dell'onda di sessa, è tornata a livelli - se non normali - almeno accettabili. Fine dell'emergenza anche a Vicenza, dove il rischio alluvione è ormai rientrato. A ponte degli Angeli, il livello del fiume Bacchiglione, arrivato alle prime ore di venerdì 24 dicembre al livello record di 5,34 metri, è sempre rimasto sotto i 4 metri, con una decrescita costante. Rientrata l'allerta anche per il fiume Fratta, nel padovano, che nelle ore scorse ha creato allarme soprattutto negli abitati di Battaglia e Montegrotto Terme.

Frane in Liguria - Disagi provocati dalle frane invece in Liguria, soprattutto nello spezzino, anche se il livello del Magra si è abbassato e non desta più allarme. Tellaro, la frazione delle Cinque Terre, è ormai isolata da tre giorni a causa di una grande frana: i rifornimenti arrivano dal mare grazie all'intervento delle motovedette delle Capitanerie di Porto e della Protezione Civile. Problemi anche ad Ameglia, Fiascherino, Lerici, Carrodano, in alcuni paesi della val di Vara. E in Toscana, dove è ancora chiuso il raccordo autostradale Firenze-Siena per uno smottamento all'altezza di San Casciano. Non sono invece più isolati dal pomeriggio di Natale i 150 cittadini di alcune frazioni di Pieve Fosciana, in Garfagnana, dove si era abbattuta una frana sulla strada che collega al paese. La situazione però resta critica con il fronte della frana che continua a muoversi verso valle.

Traffico sulle strade per le vacanze - Intanto, in molti si stanno per mettere in viaggio per trascorrere qualche giorno di vacanza e festeggiare l'arrivo dell'anno nuovo. Secondo le previsioni di Autostrade per l'Italia, le partenze dalle città sono incominciate nel pomeriggio di domenica 26 e proseguiranno almeno fino alla mattina di lunedì 27 dicembre. I flussi più intensi saranno sulla A1 (dove solo una settimana fa il traffico è andato in tilt a causa delle neve e del ghiaccio) in uscita dalle grandi città (Milano, Bologna, Firenze, Roma e nel tratto Firenze-Bologna), sulla A4 verso Venezia, sulla A10 verso Ventimiglia e la Francia, sul tratto urbano della A14 e all'altezza dei valichi di frontiera, sulla A9 Lainate-Chiasso, sulla A5 da Aosta fino al Traforo del Monte Bianco, sulla A23  Udine-Tarvisio e, infine, sulla A27 Venezia-Belluno.

Trasporti: aggiornamenti in tempo reale - Notizie aggiornate sulla percorribilità di autostrade e viabilità ordinaria sono disponibili tramite il sito del Cciss (numero gratuito 1518). Per informazioni sull’autostrada A/3 “Salerno Reggio Calabria” è disponibile il numero gratuito 800 290 092.
Treni - Segui in tempo reale il percorso del tuo treno.
Aerei - Per chi viaggia in aereo, ecco gli aggiornamenti relativi agli scali di Torino, Genova, Verona, Bologna, Roma Fiumicino, Milano Linate e Milano Malpensa.

Situazione all'estero - In Europa la situazione sta migliorando: praticamente risolta l'emergenza all'aeroporto parigino di Roissy-Charles de Gaulle, dove quasi 200 passeggeri hanno passato la notte della vigilia di Natale nello scalo a causa delle forti nevicate che hanno portato all'annullamento di più di 400 voli. Al terminal 2F una sala è stata adibita a dormitorio e i passeggeri sono stati rifocillati con un vero cenone di Natale (GUARDA LE FOTO). Migliorano le condizioni meteorologiche anche in Germania e in Belgio, dove strade e ferrovie sono state messe ko nel giorno di Natale per la neve e il ghiaccio. A Mosca invece aeroporto bloccato a causa di un black out in seguito alle abbondanti nevicate, con migliaia di passeggeri rimasti a terra.

Leggi tutto