Natale tra maltempo e disagi

25 dicembre 2010 - Venezia
1' di lettura

A Vicenza rientra il rischio alluvione, migliora la situazione a Venezia. Frana in Garfagnana: 150 persone isolate per ore. E dopo tanta pioggia sta per tornare il freddo. VIDEO, FOTO, PREVISIONI

SEGUI LE PREVISIONI METEO

Parigi, cenone e messa di Natale in aeroporto: FOTO
L'Italia e l'Europa sotto la neve: FOTO
L'Italia nella morsa del maltempo

Le piogge che hanno flagellato il nord si stanno progressivamente spostando al centro sud e nelle regioni settentrionali sono in arrivo nella giornata di domenica ampie schiarite, accompagnate però da un repentino abbassamento delle temperature che porterà la neve anche sui rilievi modesti e in pianura. Il Dipartimento della Protezione civile che ha emesso un nuovo avviso di avverse condizioni meteo , continua a monitorare la situazione.

Migliora la situazione del Po e a Venezia l'acqua alta ha dato tregua ai veneziani e ai turisti in visita alla città (GUARDA LE FOTO) : dopo giorni di “picchi” da record la marea, grazie all'attenuazione in Adriatico dell'onda di sessa, ha segnato nella notte di Natale una massima di 114 centimetri, che ha comportato l'allagamento di meno del 20% della città.
Fine dell'emergenza anche a Vicenza , dove il rischio alluvione è ormai rientrato. A ponte degli Angeli, il livello del fiume Bacchiglione, arrivato alle prime ore di venerdì al livello record di 5,34 metri, è sempre rimasto sotto i 4 metri, con una decrescita costante. Sorvegliato speciale, resta però il fiume Fratta, nel padovano, che ha creato allarme soprattutto negli abitati di Battaglia e Montegrotto Terme.

In provincia di la Spezia, la notte tra la vigilia e Natale gli abitanti di Tellaro, borgo di Lerici hanno brindato nelle stanze del Mutuo soccorso; il paesino, infatti, è rimasto isolato per tre giorni a causa di una frana. 
In Garfagnana, invece, sono state oltre 150 le persone rimaste isolate per ore a causa di uno smottamento che ha completamente ostruito la strada.

Il maltempo, intanto, sta colpendo anche il sud: anche nel giorno di Natale, per il secondo consecutivo, il mare mosso ha impedito i collegamenti in quattro delle sette isole Eolie. Nell'arcipelago soffiano forti raffiche il mare forza 4-5 ha bloccato nei porti gli aliscafi. massima di 85 centimetri.

Maltempo anche in Europa - A Parigi quasi 200 passeggeri hanno passato la notte della vigilia di Natale nell' aeroporto parigino di Roissy-Charles de Gaulle , dove a causa delle nuove abbondanti nevicate sono stati annullati almeno 400 voli. Per lo stesso motivo era stato evacuato in tutta fretta il terminal 2 sul cui tetto si era accumulata una quantità eccessiva di neve.
Al terminal 2F una sala è stata adibita a dormitorio e i passeggeri sono stati rifocillati con un vero cenone di Natale (GUARDA LE FOTO) a base di roastbeef, patate, salmone affumicato, formaggio e torrone di cioccolato. I bambini hanno ricevuto doni mentre la direzione dell'aeroporto ha organizzato per i fedeli che l'avevano richiesto una messa di Natale.

Problemi anche in Belgio, dove la neve ha creato diversi problemi: a Bruxelles strade bloccate e traffico in tilt. Stesso discorso in Germania, dove sono stati cancellati diversi treni e dove nelle prossime ore sono previste nuove nevicate.

Disagi in Europa, guarda il video:


Leggi tutto