Per ritrovare Yara si cerca anche nel sud Italia

1' di lettura

Indumenti, possibili indizi e segnalazioni anonime: proseguono le indagini dopo la scomparsa della ragazza di Brembate di Sopra, sparita lo scorso 26 novembre. Sopralluoghi anche nel paese di origine dei nonni materni, in provincia di Lecce

Guarda anche:
Yara, la scomparsa, le ricerche, la rabbia: FOTO
Il caso Yara e la lingua come chiave di lettura del mondo
Parla Azouz: "Non cercate il colpevole tra gli immigrati"
Il procuratore: "Lavoriamo per riportarla a casa viva"

A tre settimane esatte dalla scomparsa, le ricerche di Yara Gambirasio si sono spostate verso la Bassa Bergamasca.
I carabinieri sono al lavoro nella zona di Zingonia e Osio Sotto, dove controlleranno, tra l'altro, anche un paio di aziende con il supporto delle unità cinofile.
Da qualche giorno, ormai, i militari si stanno concentrando sulle numerose segnalazioni, spesso anonime, che arrivano quotidianamente in caserma.
Gli investigatori fanno sapere comunque che l'attività di venerdì non ha nulla a che vedere con le segnalazioni di un furgone bianco, circolate nei giorni scorsi.
Si continua a cercare Yara, dunque, a 21 giorni dalla scomparsa dal centro sportivo di Brembate Sopra, nonostante la neve che è tornata a cadere di prima mattina sulla provincia di Bergamo, come su gran parte d'Italia.
Gli inquirenti non trascurano alcuna ipotesi, tanto che nelle scorse ore accertamenti sono stati effettuati anche a Tricase (Lecce), il paese d'origine dei nonni materni di Yara, dove la ragazzina è solita passare le vacanze estive con la famiglia.

Tutti i video sulla scompara di Yara

 

Leggi tutto