Torna la tensione a Terzigno per i rifiuti

I danni provocati dall'incendio appiccato da sconosciuti, nella notte dell'8 dicembre 2010, al portone del comune di Boscoreale ( Napoli) dove da tempo è alta la tensione per la presenza sul territorio di una discarica di rifiuti
1' di lettura

Due autocompattatori sono stati incendiati nei pressi della rotonda Panoramica, non lontano dall'ingresso della cava Sari che sta ricevendo solo i rifiuti dei Comuni della zona vesuviana

Guarda anche:
Ecco come crescono i limoni a Terzigno
Quando la piazza cede alla violenza
Rifiuti, tutte le volte che l'emergenza era stata risolta....

Torna la tensione a Terzigno in provincia di Napoli. Nella mattinata dell'8 dicembre alcuni dimostranti hanno dato alle fiamme due autocompattatori e altri hanno incendiato dei copertoni davanti al Comune di Boscoreale, per protestare contro la situazione dei rifiuti nel napoletano.
Intorno alle 4 una ventina di persone ha imposto di scendere agli autisti dei due camion, che avevano appena depositato i rifiuti nella discarica dell'ex Cava Sari, e hanno poi dato fuoco ai mezzi.
A Boscoreale, invece, un gruppo di persone ha incendiato i copertoni proprio davanti all'ingresso del comune.
La situazione torna ad essere tesa nei due comuni campani, che nei mesi scorsi sono stati teatro di proteste in alcuni casi sfociate in scontri con le forze dell'ordine.

Nei giorni scorsi il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è tornato a dirsi fiducioso che le regioni italiane accoglieranno l'appello a collaborare per accelerare lo smaltimento dei rifiuti di Napoli, le cui strade, intanto, continuano ad essere invase dalla spazzatura.

Leggi tutto