Slavine killer, morti 4 escursionisti

Uomini del soccorso alpino al lavoro - Foto d'archivio
1' di lettura

Tre vittime in Valcamonica, nel bresciano, e una sul Monte Cusna, Appennino reggiano. Sull'Emilia-Romagna allerta meteo di 30 ore. Domenica neve al Nord e pioggia al Sud. Rischio di esondazione per il lago D'Averno a Pozzuoli. LE PREVISIONI DEL TEMPO

Neve a Milano: le foto
L'Italia e l'Europa sotto la neve: l'album
SEGUI LE PREVISIONI METEO

Weekend all'insegna del maltempo, con neve al Nord, pioggia e vento al Sud e freddo ovunque. La Protezione civile ha diramato un avviso di avverse condizioni meteo per la perturbazione che domenica interesserà il Paese.

Valanghe e slavine, 4 vittime - Con il maltempo arrivano anche le prime vittime di incidenti in montagna. 4 gli escursionisti che hanno perso la vita.
Nel bresciano sono morte 3 persone a causa di una slavina staccatasi dal Mortiolo a Edolo, in Valcamonica, al confine con la provincia di Sondrio.
Le vittime erano tutte di Treviglio: Enzo Riganti, candidato sindaco della sua città alle prossime amministrative, aveva 62 anni; Angelo Lazzarini ne aveva 68 e Giuseppe Parigi 47. Riganti, attualmente consigliere comunale di minoranza, già assessore ai servizi sociali dall'88 al '93, lo scorso giugno si era candidato a sindaco di Treviglio per le amministrative 2011.
E c'è una vittima anche in Emilia Romagna. E' infatti deceduto all'ospedale Maggiore di Parma uno dei due escursionisti travolti da una slavina sul Monte Cusna. Andrea Costi era giunto a Parma in elicottero in condizioni ormai disperate.

Freddo e neve - Dalle prime ore di domenica ci saranno nevicate sulle regioni settentrionali e precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità sui settori tirrenici delle regioni centro-meridionali e sulla Sardegna. Non mancheranno fulmini e forti raffiche di vento. Si prevedono, inoltre, venti forti o molto forti dai quadranti settentrionali sulla Liguria e dai quadranti meridionali al centro-sud e sulle due isole maggiori, con mareggiate lungo le coste esposte.

Lombardia - In Lombardia la fase acuta sarà domenica pomeriggio e fino alle prime ore della notte di lunedì. Al di sotto dei 500 metri gli accumuli previsti totali saranno tra 1 e 10 centimetri, con quantitativi localmente fino a 15 centimetri; al di sopra dei 500 metri gli accumuli raggiungeranno i 20-30 centimetri. A Milano, ha assicurato il sindaco Letizia Moratti, "tutti sono stati allertati e la Protezione Civile sta già collaborando con tutte le strutture, quelle del Comune e anche le altre, Atm, Amsa, Sea, A2A, per essere pronti a eventuali problemi".

Emilia Romagna - In Emilia Romagna l'allerta maltempo è per ben 30 ore, a partire dalle 7 di domenica. Previste precipitazioni moderate, a tratti intense, a partire dai rilievi, in estensione nel corso della giornata all'intero territorio. Le nevicate saranno abbondanti sui rilievi centro-occidentali da Piacenza a Bologna, con quantitativi medi tra 40-50 centimetri e punte localmente superiori, mentre sui rilievi romagnoli i valori medi cumulati saranno di 20-40 centimetri, con punte localmente superiori; i quantitativi saranno più modesti sull'Appennino riminese. Potrebbero anche verificarsi localmente valanghe nelle zone con maggiori criticità come canaloni, creste e zone di accumulo sottovento.

Campania - In Campania è a rischio esondazione il lago d'Averno a Pozzuoli (Napoli) in seguito ai diversi nubifragi che si sono abbattuti sull'area flegrea negli ultimi giorni. L'acqua è fuoriuscita in più punti dall'invaso rompendo gli argini ed allagando i sentieri circostanti. La situazione di maggiore gravità si registra nei pressi del tempio di Apollo dove la mulattiera si è trasformata in fango non consentendo più il passaggio ai veicoli. In difficoltà i residenti e l'agriturismo che sorge proprio in prossimità dei resti romani del tempio.

Leggi tutto