Bondi e il film premiato a Venezia: "Non c'è niente di vero"

Il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi
1' di lettura

Il ministro dei Beni culturali smentisce la ricostruzione del Fatto Quotidiano a proposito della pellicola "Goodbye Mama" dell’attrice bulgara Michelle Bonev: “E’ una storia inventata, contro di me solo una violenta campagna di stampa”

Le foto di Dragomira / Michelle Bonev

Il premio fittizio dato all’attrice bulgara Michelle Bonev in occasione della 67° Mostra del Cinema di Venezia? Per il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi la ricostruzione del Fatto Quotidiano è una montatura: “E’ una storia completamente inventata, sono fantasie, frutto di imbarbarimento. Il giornale ne risponderà in tribunale”. Il giornale diretto da Antonio Padellaro aveva raccontato la storia del film “Goodbye Mama”, premiato a Venezia nell’ambito della rassegna Action for women. Secondo il giornale sarebbe stato proprio il ministro Bondi a fare pressioni per dare questo riconoscimento all’attrice Michelle Bonev.

Bondi denuncia una campagna di stampa contraria. In una nota il ministro per i Beni culturali denuncia le "bassezze" a cui "è giunta l'informazione nel nostro Paese. Da circa un anno sono sottoposto ad una violenta campagna di stampa finalizzata a distruggere la mia immagine pubblica".

Leggi tutto