Milano-Serbia-Sud America: 100 arresti sull'asse della droga

1' di lettura

Una operazione della Polizia ha sgominato due reti criminali: una operante nel Nord Italia, l'altra di carattere transnazionale. Le misure riguardano l'approvvigionamento e il successivo smercio di ingenti quantitativi di cocaina

Guarda anche:
Quando lo spaccio passa per il web
Milano capitale della cocaina
Bianca neve, l'inchiesta choc sul consumo di droga in Italia

Oltre 300 uomini della Polizia di Stato sono impegnati in una operazione antidroga nel Nord Italia. Più di cento le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti di altrettante persone.
Gli investigatori hanno sgominato due reti criminali: una composta da diversi sodalizi operanti tra Milano e Como, Varese, Torino, Biella e Genova. La seconda, di carattere transnazionale, composta per lo più da cittadini serbi, montenegrini e sloveni, i cui vertici, localizzati in Serbia ed in Slovenia, hanno favorito - avvalendosi di cellule operative in Italia, in altri paesi europei ed in alcuni stati del Sud America - l'approvvigionamento ed il successivo smercio, tra il 2007 ed il 2009, di ingenti quantitativi di cocaina.
L'operazione della Squadra Mobile di Milano è il coronamento di una cooperazione internazionale, durata oltre due anni, realizzata sia sul piano giudiziario - con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano e l'intervento della Direzione Nazionale Antimafia - sia a livello operativo - con il coordinamento attuato dall'Interpol, dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga e dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato. In particolare, le indagini sull'organizzazione transnazionale serbo-montenegrina sono state svolte in collaborazione con le Polizie di Belgrado e di Lubiana.

Leggi tutto