Nelle strade di Napoli ancora 1200 tonnellate di spazzatura

Napoli, 13 novembre 2010
1' di lettura

Le autorità lavorano per scongiurare un'altra crisi e porre fine all'emergenza dei rifiuti, ma la gente è stanca: "Il problema non è risolto perchénon lo vogliono risolvere". Ascolta le voci dei napoletani

Guarda anche:

L'emergenza rifiuti: tutte le foto
Campania, 15 anni di emergenza rifiuti
Ecco come crescono i limoni a Terzigno

Dopo la chiusura di Taverna del Re e i disagi nei comuni del vesuviano, si continua a lavorare per trovare una soluzione che eviti un'altra crisi dei rifiuti a Napoli. "Sono 1.200 - dice l'assessore all'Igiene del Comune di Napoli, Paolo Giacomelli - le tonnellate di rifiuti ancora per strada a Napoli". Nella notte del 12 novembre ne sono state raccolte 1.050, di cui 700 sono state sversate a Chiaiano e la parte rimanente nello stir di Caivano. Giacomelli si dice "preoccupato per la situazione degli impianti di Giugliano e Tufino, che non possono accogliere altri rifiuti perché ancora congestionati".

All'Assessorato regionale all'Ambiente, intanto, si lavora per individuare una soluzione alternativa nel caso in cui non dovesse passare l'ordinanza che prevede lo sversamento di una parte dei rifiuti di Napoli nelle altre province, che al momento non hanno dato la piena disponibilità.

La gente, però, non è tranquilla: le strade sono ancora sommerse dai rifiuti e il problema lungi dall'essere risolto.

Leggi tutto