Immigrati sulla gru, nuovi scontri a Brescia

Brescia 13 novembre
1' di lettura

Le tensioni tra polizia e manifestanti sono esplose nel corso di un corteo organizzato in segno di solidarietà agli extracomunitari che da giorni protestano contro il mancato rinnovo del permesso di soggiorno

Alta tensione a Brescia, ma gli immigrati restano sulla gru
FOTO: Scontri sotto la gru - A Bologna i migranti sfilano in solidarietà

Ancora scontri a Brescia tra manifestanti e forze dell'ordine nei pressi della gru sulla quale dal 30 ottobre sono saliti degli immigrati per protesta.
Dopo le tensioni di lunedì 8 novembre, terminate con cariche della Polizia che intendeva sgomberare il presidio nei pressi del cantiere, nuovi incidenti si sono verificati nel corso di un corteo di solidarietà verso gli extracomunitari che protestano contro il mancato rinnovo del permesso di soggiorno.

Secondo la ricostruzione dei funzionari della Questura di Brescia, responsabile degli scontri è stato un gruppo di 70-80 persone che si trovava dietro il presidio di solidarietà, che era tenuto distante dalla gru sulla quale si trovano ancora per protesta gli immigrati da una fila di transenne e dallo schieramento delle forze dell'ordine.
Quando la delegazione di cinque manifestanti è tornata dal cantiere dopo aver parlato con gli immigrati, questo gruppo ha indossato dei caschi da motociclista o si è coperto il volto e ha cominciato a lanciare fumogeni e anche una bomba carta, poi pietre, bottiglie e altro contro poliziotti e carabinieri.
Per due volte, mentre gli altri manifestanti urlavano per farli desistere, hanno cercato di spostare le transenne, travolgendo anche chi stava davanti e cercato di venire a contatto con le forze dell'ordine che hanno caricato respingendoli.
Si sono ricompattati una terza volta per attaccare ma hanno cambiato idea perché nel frattempo erano arrivati anche gli agenti del Reparto Mobile.
Il 118 riferisce di tre poliziotti feriti, uno medicato sul posto e due ricoverati in ospedale.

Leggi tutto